Menu di scelta rapida
Home Page / ARCHIVIO COMUNICATI / COMUNICATI 2013

COMUNICATI 2013

Alloro al Merito dal CONI a Colombari

Colombari il riceve premio dal Sindaco di Cuneo F.Borgna

Alloro al merito dal CONI per Diego Colombari

Per il ciclista dell’Handbike di Moretta Diego Colombari, quest’anno, ci sono stati tanti e importanti risultati.
Ha vinto la Maglia Rosa al Giro d’Italia Handbike, nella categoria Mh4, che si è concluso a Firenze il 29 settembre in occasione dei Mondiali di Ciclismo.
E’ vice Campione Europeo nell'EHC, classificatosi al 2° posto nel Circuito Europeo di Handbike.
E’ stato incoronato Campione d'Italia ai campionati Assoluti di Paraciclismo.

Un nuovo riconoscimento per il campione del paraciclismo Colombari è avvenuto Domenica 8 Dicembre dal CONI con “l’Alloro al Merito”.
La cerimonia aperta in ricordo di Attilio Bravi recentemente scomparso, è stata organizzata dal Coni Point Cuneo. Bravi, ex atleta azzurro (medaglia d’oro nel 1959 nel salto in lungo alle Universiadi) aveva ricoperto a lungo la carica di presidente del comitato della Provincia di Cuneo del CONI.

All’evento, patrocinato dalla Provincia, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo e La Stampa era presente il delegato provinciale Marcello Strizzi per il CONI, il sindaco di Cuneo Federico Borgna e altre autorità che hanno premiato con delle Benemerenze sportive i campioni della Granda.

Il Comitato Paralimpico era rappresentato da Francesca Fenocchio, campionessa del paraciclismo medaglia d’argento nella staffetta a Londra 2012 con Alex Zanardi e Vittorio Podestà, dall’atleta di Moretta Colombari, tesserato con la P.a.s.s.o. Cuneo. La manifestazione ha attestato anche l’operosità del CONI regionale e ha sottolineato l’ importanza dello sport nella provincia di Cuneo anche grazie all’ottima riuscita dello SPORT IN PIAZZA (una manifestazione avvenuta il 2 giugno in 30 comini della Granda).

A fine cerimonia abbiamo ascoltato le parole del ciclista Colombari che ha detto: “A me ha fatto piacere ricevere l'alloro al merito sportivo; sicuramente è uno stimolo per la prossima stagione sperando di riuscire a ottenere i risultati di quest'anno e magari poter migliorare. Infine, durante la premiazione, alle nostre spalle uno schermo proiettava le foto di ogni atleta impegnato nella sua disciplina. E’ stato emozionante rivedermi sull’Handbike che tanto mi ha dato in questa stagione”.

Diego Colombari ha ricevuto la gratificazione da Federico Borgna sindaco di Cuneo.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo Dorotea Maria Guida

I° Trofeo città di Sanremo

Da Venezia a Sanremo le vittorie più belle degli atleti P.a.s.s.o.

Coccato, Galliano e Colombari al 1° Posto, Mirabile 2° Posto, Fieramosca 3° e Trentin 6°.

Ogni gara è una sfida tutta nuova per gli atleti dell’Handbike: sfida con se stessi, competizione con gli avversari, confronto e riaffermazione nella vita.
Queste sfide e queste vittorie hanno caratterizzato il doppio appuntamento ciclistico e podistico di Domenica 27 Ottobre, caratterizzato dal 1° Trofeo Handbike città di Sanremo' organizzato dalla Polisportiva IntegrAbili e dalla 28° edizione della "Venicemarathon”.

La gara ciclista Paralimpica della città dei fiori, valida per il campionato regionale, ha assicurato al numeroso pubblico: spirito sportivo, sano agonismo e spettacolarità. Per la P.a.s.s.o. Cuneo erano presenti le frecce gialle Francesco Fieramosca, Marcello Trentin, Igor Galliano, Christian Coccato, Roberto Lui, Marco Boffa, e Diego Colombari.

Si è assistito all’incredibile Podio per Christian Coccato di Gassino Torinese, che dopo anni di attesa e di fatica, ha tagliato il traguardo per primo nella categoria Mh3.

Podio per Diego Colombari arrivato primo in Mh4.
Vincitore anche Igor Galliano che ha sfidato se stesso e vinto in Mh1.2 Francesco Fieramosca di Albenga ha ottenuto un ottimo terzo posto in Mh2 nella gara con la formula “1 ora + 1 giro”, nel circuito cittadino, che si è snodato dal Lungomare Italo Calvino per il Porto vecchio, Corso Trento Trieste, nella cittadina sanremese.
Al termine della prova Fieramosca ha desiderato ringraziare tutti i suoi sostenitori: Youniverse Club palestra. Integratori + watt, Parafarmacia san Michele, Noberasco. Mentre Marcello Trentin, sempre in Mh2 si è aggiudicato la sesta posizione.

Nella Maratona di Venezia con i suoi ottomila partecipanti ha vinto il keniano Nixon K. Machichim in 2h.13'.11, precedendo di un soffio il connazionale Raymond Kandie. Terzo l'italiano Andrea Valli, con 2h.14" 26'. Alex Zanardi si è imposto nella gara di handbike in 1h.11'45, dietro di lui, la freccia gialla P.a.s.s.o di Sommariva del Bosco, Claudio Mirabile arrivato secondo. Mirabile, accompagnato dall’infaticabile Valter Morino a fine gara ci ha fatto partecipi della sua enorme emozione: “Il Secondo posto dietro ad Alex Zanardi per me vale oro. E’ stato stupendo arrivare al traguardo in solitaria e sapere che davanti avevo solo Zanardi. Ho corso in una Venezia davvero spettacolare, ho potuto calcare ponti e passerelle e con l’incantevole Laguna così a portata di mano che ne avrei potuta lambire l’acqua. Infine, dopo tredici ponti ho tagliato il traguardo ed ho sentito l'abbraccio del pubblico che salutava con applausi fragorosi i biker del podio, Zanardi, me e Gianluca Laghi (terzo.) Dedico tutto questo ai miei nipoti, alla famiglia e per concludere a Walter Morino che mi ha seguito in tutto questo”.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo (Dorotea Maria Guid

I° trofeo città di Savona

La freccia gialla Anfossi a Savona ha centrato l’ultimo obbiettivo stagionale.

 Nella finale del Campionato Italiano Società valido come Primo Trofeo ANMIL gli atleti della P.a.s.s.o. vanno tutti a segno

La formazione delle frecce gialle cuneesi, capitana dal Presidente Sergio Anfossi e dal Responsabile Generale Remo Merlo si è presentata quasi al completo all’appuntamento ciclistico di fine stagione. Sabato 12 Ottobre, nell’assolata città ligure per il Primo Trofeo ANMIL Città di Savona, si sono presentati in 45 i ciclisti dell’Handbike e si sono sfidati su un percorso cittadino di 3 km.

La gara Nazionale di Handbike si è svolta proprio alla vigilia della 63° Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro, che l’Anmil (Associazione nazionale fra lavoratori mutilati e invalidi del lavoro) ha celebrato domenica 13 Ottobre in tutta Italia.
Per l’Associazione ASD cuneese erano presenti: Sergio Anfossi, Marco Boffa, Christian Coccato, Francesco Fieramosca, Massimo Giacoma, Claudio Mirabile, Marcello Trentin, Igor Galliano, Gianfranco Pigozzo, Maurizio Tallone, Ivan Sperone, Silvana Taravelli, e Valentina Rivoira che hanno lottato anche per il Campionato Italiano di handbike per società che si concludeva appunto con questa prova.
La gara con la formula di 1 ora + un giro e nel Team Relay dove per ogni squadra tre atleti di diverse categorie gareggiavano in staffetta, ha suscitato curiosità e ammirazione per le strade del Lungomare Savonese.

Il Presidente fossanese della P.a.s.s.o, Sergio Anfossi, ha chiuso la stagione 2013 nel migliore dei modi PRIMO ASSOLUTO, nella classifica generale e Primo nella categoria Mh3. Anfossi, intervistato dalle televisioni regionali, ha provato a spiegare il segreto della sua potenza che gli ha permesso di percorrere i 39.6 km del percorso in 1 ora, 9 minuti e 29 secondi alla media di 34 km/h. Grazie, poi al lavoro e agli ottimi piazzamenti di tutte le altre frecce gialle ci si è aggiudicato un meritato piazzamento per la Polisportiva senza ostacoli cuneese, giunta seconda nella classifica del Campionato di Società Handbike.

Ed eccoli i risultati dei nostri ciclisti: Secondo Posto per la fossanese Valentina Rivoira in Wh2, 2° Posto per Silvana Taravelli di Magliano Alpi in Wh3.

Hanno concluso con dei soddisfacenti risultati i ciclisti dell’Mh2 con un ottimo 3° posto per Claudio Mirabile di Sommariva del Bosco, il 5° posto di Francesco Fieramosca di Albenga e l’11° posto del torinese Marcello Trentin

Nella Mh3,Terzo Posto per il decano Gianfranco Pigozzo; un meritato 4° posto per Maurizio Tallone di Cuneo che ha avuto problemi tecnici; 6° posto per il giovane Ivan Sperone, 9° posto per Massimo Giacoma di Centallo, 10° Christian Coccato di Gassino Torinese anche lui afflitto da problemi tecnici e termina la classifica Mh3 Marco Boffa giunto 11°. In Mh1.2 un buon 4° posto per Igor Galliano d’Asti che si è detto fuori forma a fine gara.

Alla gara hanno partecipato atleti di livello nazionale ed internazionale quali Giovanni Achenza e l’olimpionica Francesca Fenocchio. Il via è stato dato dall’olimpionico e neo Campione del Mondo Vittorio Podestà, invalido del lavoro Ligure di Chiavari. Tutto questo è stato possibile grazie alla collaborazione della Regione Liguria, della Provincia e del Comune di Savona, al prezioso supporto della Fondazione De Mari e dell’Unione Industriali e con il contributo di numerosi sostenitori che hanno reso possibile la realizzazione dell’iniziativa patrocinata da Coni, Federazione Ciclistica, Cip, Inail, Aci Savona e Associazione Culturale Centofiori.
Per la P.a.s.s.o non ci stancheremo mai di ringraziare tutti gli accompagnatori e volontari che seguono le gare, in pista o dietro le quinte. Grazie a tutti indistintamente.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o Cuneo Dorotea Maria Guida

Colombari Vice campione dell'EHC in Mh4

Le “frecce gialle” di Cuneo alla conquista di Barcellona

Colombari vice campione dell’EHC fa onore al tricolore, bene gli altri.

La piccola ma corposa spedizione degli atleti dell’handbike cuneese è partita giovedì, a notte fonda, destinazione Barcellona, per disputare le finali delle gare dell’EHC il circuito Europeo.

La delegazione cuneese era così composta: Diego Colombari di Moretta, campione italiano e campione del Giro d’Italia HB nella categoria Mh4, Massimo Giacoma di Centallo e Claudio Mirabile di Sommariva del Bosco, con Valter Morino volontario e autista.

Le gare del Campionato Europeo di Handbike 2013, organizzato dall’EHF (European Handcycling Federation), sono state quattro: esordio a Rosenau (Francia), poi Louny (Repubblica Ceca), di seguito l’unica tappa italiana svoltasi Fossano in Luglio e la finalissima di Barcellona che prevedeva, come nelle altre tappe, sia la gara a “Cronometro” sia la prova in “Linea”.

Nelle due giornate di gare (5 e 6 ottobre) organizzate dal Club Esportiu Handbike Barcellona, che si sono svolte a Castelldefells, nella provincia spagnola della Catalogna, erano presenti ben 90 atleti provenienti da 21 Nazioni. Le competizioni si sono sviluppate nell’anello del Canale Olimpico, con cinque giri sul nastro della lunghezza di 2660 metri.

Nella “Crono” le frecce gialle dell’handbike cuneese si sono subito distinte assicurandosi la vittoria con Diego Colombari che ha tagliato il traguardo per primo nella sua categoria (Mh4), un 14° piazzamento per Claudio Mirabile nella categoria Mh2 e un buon piazzamento per Massimo Giacoma in Mh3. Risultati che poi hanno bissato nella gara in Linea.

Colombari ha percorso i 12, 5 km del circuito stradale pianeggiante di Castelldefells in 23’ e 27 secondi, dietro di lui, a un minuto il portoghese Costa. Nella gara “in Linea” del 6 ottobre, ancora una volta in campione italiano Colombari ha ben difeso e fatto onore al “tricolore” conquistando un’altra vittoria. Due primi posti che gli permettono di chiudere la classifica del Circuito EHC Europeo in seconda posizione.

Diego, come ti senti adesso che ti sei laureato vice campione d’Europa nella Mh4 dell’European Handcycling Federation?

Colombari entusiasta risponde: “Non era un obbiettivo ma grazie al supporto della squadra, lo abbiamo conquistato! Grazie a Birra Baladin e, Inalpi Spa”

Sul pulmino che li riporta in Italia dopo la frenetica trasferta, Claudio Mirabile racconta: “La finale dell’Europeo EHC a Barcellona è stata bellissima, la cornice era stupenda e le strutture che ci hanno ospitato erano innovative. E’ incredibile pensare che all’estero tra noi compagni di squadra ci si senta più uniti, non solo perchè condividiamo lo sport che amiamo, ma anche per il fatto che ci si sente come in una grande famiglia. Abbiamo potuto conoscere atleti provenienti da più parti del mondo e fraternizzare; ad esempio alla partenza ho conosciuto un ciclista di Dubai con il quale ci siamo scambiati la maglia e abbiamo ricevuto l’invito per andar a disputare una gara del 2014 nel loro Emirato. Abbiamo incasellato scambi di esperienze e culture non indifferenti che contageremo agli altri compagni e a tutto lo staff.” Complimenti alle Frecce Gialle Cuneesi!

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo

Dorotea Maria Guida

L'emozione che trasmette una Grande Squadra

Questa è l’esperienza entusiasmante che ha vissuto uno dei nostro atleti nel disputare l’ultima delle nove tappe del Giro d’Italia Handbike 2013 Lui è Claudio Mirabile classe 1975 di Sommariva del Bosco (BRA), paraplegico in seguito ad un incidente di moto, pratica il ciclismo Paralimpico dilettantistico dal 2007, nella categoria Mh2. Ecco l'affascinante racconto del suo Giro d’Italia Handbike “

Il 29 Settembre si è svolta l’ultima tappa del Giro d’Italia Handbike nelle splendida cornice dei Mondiali di Ciclismo a Firenze dove la P.a.s.s.o Cuneo, la squadra nella quale sono fiero di essere tesserato, ha ottenuto ottimi risultati.

E’ bello pensare, guardandosi in dietro, quanti bei momenti abbiamo potuto trascorrere insieme con tutti i compagni P.a.s.s.o., con gli splendidi accompagnatori che ci hanno sopportato, soprattutto nell’ultima Tappa, suggellando un affiatamento che è stato un crescendo, con la possibilità di condivisone i nostri problemi sia fuori che nell’ambito delle gare. La festa è per ogni singolo risultato ottenuto frutto di sacrifici e di obbiettivi diversi da noi prefissati.

Ci sono state le vittorie personali anche per chi non è riuscito ad arrivare in vetta. Mi spiace pensare che dovremo aspettare fino al prossimo anno per rivederci tutti, ma questo fa crescere e desiderare l’attesa. In questo periodo particolare che stiamo vivendo, è bello vedere che qualcosa di positivo c’è: la nostra Grande Squadra/Famiglia.

Ringraziare in modo sentito chi s’impegna per far sì che tutto questo accada, spesso sembra riduttivo, ma io ci provo.

Ecco quindi il mio Grazie a tutti i Dirigenti, gli organizzatori e agli atleti della Polisportiva Senza Ostacoli; un grazie ancor più sentito e commosso a nome mio, ma anche di tutta la squadra al Signor Valter Morino che come volontario, in quest’anno di gare ci ha seguiti ed accompagnati in tutte le trasferte.

Il Grazie finale, invece, a tutti coloro che con il loro impegno e con la loro dedizione permettono a noi ciclisti dell’Handbike di sentirci come in una grande famiglia, assaporandone tutte le emozioni più vere.”

Claudio Mirabile

Diego Colombari ha vinto il Giro d'Italia Handbike in Mh4

Colombari conclude il Giro con la Maglia Rosa Vince il Giro d’Italia Handbike in Mh4

Ormai sembra che questa meritata e sudatissima Maglia Rosa, conquistata nelle precedenti Tappe del Giro d’Italia Handbike, il ciclista di Moretta, Diego Colombari ce l’abbia cucita addosso.

Tutti lo speravano che per l’ultima Tappa del Giro, la Finalissima svoltasi a Firenze sulla scia dei Mondiali di Ciclismo, il giovane atleta della Polisportiva Cuneese, Colombari, riuscisse a mantenere la Rosa che aveva inseguito sin dalla prima Tappa a Roma. Vincitore del Giro d’Italia HB 2013 nella categoria Mh4, riservata agli atleti amputati, è dunque, Colombari, con 236 punti totali, 4 vittorie di tappa sui 9 gare.

Ha vinto anche la Maglia Bianca, in altre parole la maglia che è assegnata a che vince i traguardi volanti con quattro primi posti, tre secondi posti e due terzi posti.
L’unico rammarico è quello di non aver potuto sostenere la sfida dei suoi avversari di sempre, non presenti a questa Ultima Tappa del Giro di Domenica 29 settembre, però nel complesso un Diego ironico, burlone e scanzonato (vedi foto) ci ha detto: “Quest’ultima Tappa è stata molto impegnativa a causa del fattore clima. La forte pioggia ci ha accompagnato per tutto il tempo, sin dal mattino, risparmiandoci per la partenza. Quando è iniziata la bagarre per il traguardo volante ha ripreso a piovere fino alla fine. Ho raggiunto l’obiettivo che inseguivo sin dall’inizio dell’anno con una preparazione mirata e dedico la vittoria oltre a tutte le persone che mi sono state vicine (famigliari e sponsor Balfor, Inalpi e Birra Baladin) alla mia società, la P.a.s.s.o Cuneo che mi ha permesso di partecipare a tutte le gare e per la prima volta vince il Giro Handbike. Spero che anche gli altri compagni di squadra ottengano successi di questo tipo il prossimo anno; ora ci concentriamo per la gara EHC del circuito Europeo a Barcellona dove, come mio solito, darò il massimo. Grazie di tutto.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo Dorotea Maria Guida

Medaglia Onorifica di Napolitano a Valentina Rivoira

Medaglia onorifica di Napolitano alla fossanese Rivoira Colleziona Podi e vince anche a Firenze per la finale del Giro d’Italia Handbike

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione della finale del Giro d’Italia Handbike, svoltasi a Firenze domenica 29 settembre, ha voluto insignire con una medaglia speciale la giovane e preparata ciclista della P.a.s.s.o. Cuneo, Valentina Rivoira.

La segnalazione per questo importante premio è avvenuta da parte del Comitato Organizzatore del Giro stesso. Questa medaglia è assegnata agli atleti più promettenti della stagione ciclistica Paralimpica e la Rivoira lo è vista l’ascesa delle sue prestazioni sportive nell’ambito dell’Handbike, la bici che si pedala con le mani, riservata agli atleti con limitazione fisica. Abbiamo sentito a caldo la giovane Rivoira che dice entusiasta: “Sono onorata! Nonostante la pioggia e i problemi organizzativi dovuti alla concomitanza con i Mondiali di Ciclismo, è stata una finale emozionante. Ho conquistato il Podio e il secondo posto in classifica Maglia Rosa, realizzato proprio all'ultima tappa! Ancora una volta ho sentito tutto il calore dei nostri impagabili accompagnatori e sostenitori ma anche di tutto il pubblico di Firenze e perché no, del Presidente Napolitano dal quale ho ricevuto la medaglia! E un buon auspicio per la prossima stagione e un incoraggiamento ulteriore per allenarmi con costanza per fare meglio l'anno prossimo! Rivolgo i miei complimenti al mio compagno di squadra Diego Colombari per la sua meritata e sudatissima Maglia Rosa.”

La carriera della giovanissima fossanese dell’handbike è stata subito un susseguirsi di successi. Valentina Rivoira, classe 1987, ha, infatti, iniziato a praticare questo sport grazie allo stimolo del Presidente della Polisportiva senza ostacoli cuneese, Sergio Anfossi che l’ha allenata per tutta nell’estate del 2012.

La Rivoira si è quindi presentata preparata e sicura per disputare la sua gara d’esordio al 2° Gran Premio Handbike Città di Monza il 6 ottobre dell’anno scorso. Quella sua prima gara, nella location del suggestivo Autodromo di Monza è stata, per certi versi, il suo battesimo di fuoco, in quanto ha subito ottenuto il podio classificandosi al Terzo Posto.

La bella e giovane Valentina corre in Wh2, una delle tre categorie dell’Handbike riservata alle cicliste donne e nella Finalissima di Firenze ha conquistato l’ennesima vittoria, classificandosi al Primo posto appunto nella sua categoria. Complimenti ancora alla promettente ciclista di Fossano!.

 Ufficio Stampa P.a.s.s.o Cuneo Dorotea Maria Guida

IX Finalissima di Firenze successo P.a.s.s.o stagionale

P.a.s.s.o.: successo stagionale al Giro d’Italia Handbike con Maglia Rosa e Medaglia Onorifica di Napolitano

L’atto conclusivo del Giro d’Italia HB 2013 si è terminato domenica 29 settembre nell’affascinante scenario d’arte di Firenze.

La kermesse Paralimpica che aveva avuto il suo battesimo d’eccezione a Roma, ha concluso l’ultima delle 9 Tappe previste, sotto il diluvio fiorentino in occasione dei Mondiali di ciclismo, dopo aver toccato alcune delle più belle città Italiane, Cuneo per la seconda Tappa, Pavia quarta e sconfinando in quel di San Marino per la 6 Tappa.

Sotto una pioggia incessante, la P.a.s.s.o., si è presentata con la solita formazione d’attacco: il fossanese Sergio Anfossi (Presidente della Polisportiva), Alessandro Borlino, cuneese, Roberto Casetta di Bra, Diego Colombari di Moretta, Francesco Fieramosca di Albenga, Igor Galliano, Massimo Giacoma di Centallo, Claudio Mirabile (Sommariva del Bosco), Gianfranco Pigozzo di Torino, Valentina Rivoira di Fossano, il cuneese Maurizio Tallone, Silvana Taravelli di Magliano Alpi.

 Le due Madrine d’eccezione presenti alla premiazione: Annalisa Minetti e Fiona May hanno assegnato premi, medaglie e Maglie Rosa ai vincitori delle rispettive categorie. La vincitrice assoluta di questa ultima e piovosa Tappa del Giro Handbike è stata Romina Modena, ma anche la Polisportiva cuneese ha fatto registrare grandi e importantissimi risultati.

Abbiamo sentito al termine della gara il Presidente Sergio Anfossi, classe 1962, che ha dichiarato: “Sicuramente questa stagione appena conclusa del Giro 2013 ha fatto registrare per la P.a.s.s.o importanti risultati per tutti i nostri ciclisti; mentre per quel che mi riguarda, in questa Tappa, ho realizzato un 5° posto che mi ha permesso di mantenere il terzo posto in maglia rosa nella categoria Mh3. Dopo la stagione d’inattività del 2012 ho lottato molto per non sentire il dolore alla spalla e continuare a pedalare e il 2013, infatti, è stato ricco di grandi emozioni e soddisfazioni. La mia tenacia mi ha premiato e oggi posso solo gioire! Adesso ricomincio con la preparazione invernale, confidando in un buon 2014!

Un altro grande risultato (anche personale) è stato ottenuto dal ciclista di Cuneo Alessandro Borlino che ha commentato a fine gara: “la stagione 2013 appena conclusa è stata ricca di soddisfazione e di buoni risultati. In questa finalissima di Firenze ho realizzato il 4° tempo assoluto, tenendo testa ai fortissimi ciclisti dell’Handbike come Cratassa e Thaler per tutta la gara e superando i 37 km/h di media. Ringrazio sempre Rossi Computers, Blua geom. Paolo e Pepino Colori miei sostenitori.

Podio per l’altra rappresentante femminile, Silvana Taravelli che ha portato a casa un buon 2° posto in Wh3. Gli altri importanti risultati personali sono stati il 4° Posto in Mh1.2 di Igor Galliano. Il 6°, insuperabile, posto in Mh3 di Gianfranco Pigozzo dopo una rimonta stagionale inseguito ad un infortunio e ancora il 7°, combattuto, posto di Maurizio Tallone di Cuneo. Da registrare ancora il 15° posto di Massimo Giacoma e il 16° di Roberto Casetta sempre in Mh3. In Mh2 nona posizione per Claudio Mirabile e decima per Francesco Fieramosca.

Claudio Mirabile ha voluto far partecipi tutti noi del senso di gruppo e di famiglia che si respira nella nostra Associazione ASD: Il Giro d’Italia si è concluso nella splendida cornice dei Mondiali di Ciclismo a Firenze. E’ bello pensare, guardandosi in dietro, quanti bei momenti abbiamo potuto trascorrere insieme con tutti i compagni P.a.s.s.o., con gli splendidi accompagnatori che ci hanno sopportato, soprattutto ieri, suggellando un affiatamento che è stato un crescendo, con la possibilità di condivisone dei nostri problemi sia fuori che nell’ambito delle gare. La festa è per ogni singolo risultato ottenuto frutto di sacrifici e di obbiettivi diversi da noi prefissati. Vittorie personali anche per chi non si riesce ad arrivare in vetta. Mi spiace pensare che dovremo aspettare fino al prossimo anno per rivederci tutti, ma questo fa crescere e desiderare l’attesa. In questo periodo particolare che stiamo vivendo e bello vedere che qualcosa di positivo c’è La nostra Grande Squadra/Famiglia. Ringraziamenti sentiti per chi s’impegna per far sì che tutto questo accada. Grazie a tutti gli organizzatori e al Giro d’Italia di Handbike. Ma complimenti sopratutto a tutti noi atleti P.a.s.s.o.”

In ultimo, ma non dimeno, è arrivato anche il commento del Responsabile Generale Passo Cuneo Remo Merlo, che ha dichiarato: “Malgrado il fortissimo acquazzone di Firenze, abbiamo concluso questo Giro d’Italia Handbike 2013 con molti importanti risultati. La maglia Rosa di Diego Colombari che ha vinto nella sua categoria Mh4. L’onorificenza del Capo dello Stato alla nostra atleta emergente Valentina Rivoira che è stata premiata con una medaglia Speciale oltre ai riconoscimenti ottenuti per la Vittoria nella categoria Wh2. Abbiamo cementato l’affiatamento e l’amicizia tra gli atleti, i volontari e gli accompagnatori, per il 2014 saremo, con questi importanti ingredienti umani, più che tecnici, saremo più forti!”

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo Dorotea Maria Guida

VIII San Martino di Lupari (PD)

Grande spirito di squadra! Colombari riconferma la Maglia Rosa, podio per Rivoira e Anfossi, grandi tutti!

L’entusiasmo e il grande spirito di squadra è quello che si è respirato sin da quando la “spedizione” P.a.s.s.o. Cuneo ha lasciato il Piemonte per raggiungere il Veneto per disputare l’8^ Tappa del giro d’Italia Handbike, valida anche per il III° Trofeo Luparense, di domenica 22 settembre.

Organizzati con tre pulmini e svariate autovetture, i 14 atleti della Polisportiva cuneese si sono recati a San Martino di Lupari per partecipare alla penultima Tappa del Giro HB, seguiti da volontari e accompagnatori che hanno dato il massimo per la buona riuscita, di questa, come di tutte le altre trasferte.

Lo spirito di gruppo e la passione dei nostri ciclisti, bravi e preparati, hanno contribuito alla realizzazione di una giornata di puro sport, dove la sportività e l’affiatamento hanno arricchito una competizione già importante” Sono queste le prime parole del Responsabile Generale P.a.s.s.o, Remo Merlo a fine gara, che con abnegazione segue da anni l’Associazione.

Soddisfatti anche gli organizzatori C.O. Giro d’Italia Handbike insieme al Team Discovery MTB di San Martino di Lupari e al campione Paralimpico Alex Zanardi, sostenitore d’eccezione della Kermesse.
Ha vinto Mauro Cratassa ma i risultati degli atleti con limitazione fisica della Polisportiva senza ostacoli di Cuneo non sono mancati.

La fossanese Valentina Rivoira si è aggiudicata la Seconda posizione in Wh2, conquistando il Podio. Valentina a fine gara, entusiasta ci ha detto: “Più del Podio, più delle medaglie e del risultato ottenuto, è bello lo spirito goliardico che si respira tra compagni di squadra, senza di questo le gare avrebbero un altro sapore…”

Riconfermata la Maglia Rosa per il ciclista di Moretta che corre in Mh4, Diego Colombari, giunto al Terzo Posto. Mantiene salda la sua Terza posizione in classifica generale della Mh3, il Presidente della nostra Polisportiva Sergio Anfossi, giunto Terzo e conquistando anche lui il Podio.

E poi ci sono tutti gli altri importanti risultati, non di podio o di medaglia ma personalissimi ed emozionanti dei nostri ciclisti. Igor Galliano della provincia di Asti, registra l’8° posto in Mh1.2 guidato dall’enorme spirito agonistico.
Claudio Mirabile di Sommariva del Bosco che ha recuperato buona parte della sua forma fisica, giungendo 8° sui 30 concorrenti della Mh2, e Francesco Fieramosca, papà infaticabile del piccolo Edoardo, nostra mascotte, arrivato 11° nella stessa categoria.

Tra le prime dieci posizioni dell’Mh3 è doveroso segnalare il 5° posto del cuneese Alessandro Borlino, il 7° posto di Gianfranco Pigozzo che ha ripreso le gare dopo l’infortunio estivo e la nona posizione dell’altro cuneese Maurizio Tallone.

Senza dimenticare gli altri atleti P.a.s.s.o. della stessa categoria che hanno tagliato il traguardo: Ivan Sperone, Christian Coccato, Roberto Lui, Roberto Casetta, Marco Boffa.

L’entusiasmo e i risultati del nostro Team sono anche merito della grande collaborazione che i nostri ciclisti ricevono da volontari e accompagnatori: Valter Morino, coach di Mirabile ma adottato da tutti, instancabile autista aiutante e cronometrista; le grandi donne dei campioni della P.a.s.s.o sempre scattanti e affidabili, tra tutte ricordiamo: Giulia, Maura, Emanuela, Inna; Ylenia fotografa ufficiale di molte tappe del Giro ed il secondo autista Davide Borlino.

I nostri atleti, con rinnovato spirito agonistico vi danno appuntamento per la Nona e ultima Tappa del Giro d’Italia Handbike, la “Finalissima” di Firenze il 29 settembre!

Ufficio stampa P.a.s.s.o Cuneo Dorotea Maria Guida

Diego Colombari riconferma Maglia Rosa a Chivari

Colombari di Moretta riconferma la Maglia Rosa a Chiavari

Importanti risultati per tutti gli altri compagni di squadra

La Tappa ligure del ciclismo Paralimpico ha riservato, Domenica, 8 Settembre, sorprese ed emozioni.
In questa settima Tappa del Giro d’Italia Handbike non era attesa solo la pioggia, ma anche la presenza di due campioni Paralimpici e pluri medagliati come Alex Zanardi e Vittorio Podestà.
La pioggia, fortunatamente, ha fatto gareggiare all’asciutto gli oltre sessanta ciclisti giunti da tutta Italia e non solo.
La scuderia P.a.s.s.o. Cuneo si è presentata con ben 17 dei suoi ciclisti migliori e tutti hanno dato conferma e riprova della loro crescita personale e sportiva.
In una giornata emozionante, con un clima molto strano che alternava la pioggia a sprazzi di sole, il giovane amputato Diego Colombari di Moretta ha riconfermato il Primo posto nella ormai incontrastata categoria Mh4, riconfermando anche la Maglia Rosa che aveva conquistato nella precedente Tappa Sammarinese.

La gara che si è svolta con la formula di 1 ora più un giro, è stata molto dura sin da subito in quanto al secondo giro c'era da battagliare per il traguardo volante per l’attribuzione della Maglia Bianca.
Ecco il commento del nostro Colombari a fine gara: “ho cercato un buon piazzamento sin dall’inizio della gara anche per non aver problemi all'ingresso nell'ultima curva prima del Traguardo Volante e così ho realizzato la volata vincendola; Ho compreso sin da subito che avevo molto vantaggio sui miei avversari e così ho cercato la fuga per fare la gara in solitaria. Giro dopo giro, il mio Team mi dava il vantaggio sugli inseguitori realizzando che avevo distaccato tutti di parecchio. Erano mesi che aspettavo di fare una gara così, in altre parole vincere in solitaria. Ero sicuro che sarei riuscito a realizzare quest’altro mio sogno che mi avrebbe ripagato di tutti i momenti sofferti in allenamento. Alla fine ce l’ho fatta! Nell'ultimo giro sentivo solo i complimenti della gente da bordo strada; tutti m’incitavano a vario modo urlandomi contro frasi del tipo - bravo sei primo non mollare -.Ringrazio sempre tutti i miei sostenitori (Balfor, Birra Baladin, Inalpi) che mi hanno sempre appoggiato prima dei successi e dedico a loro questa vittoria.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo Dorotea Maria Guida

VII Tappa Chiavari

1) Premiazione Rivoira
2) Premiazione Taravelli
3) Premiazione Borlino
4) Premiazione Galliano

Rivoira e Taravelli ancora sul Podio in Liguria

Colombari riconferma la Maglia Rosa, Borlino e Galliano Terzi, Anfossi quarto.

Straordinari tutti! Il numero 17 porta bene alla Polisportiva cuneese che si è presentata con ben diciassette dei suoi atleti migliori nella 7^ Tappa del Giro d’Italia handbike, svoltasi a Chiavari.

Elencando i loro nomi sembra di pronunciare la formazione di una grande Nazionale: Anfossi, Boffa, Borlino, Casetta, Coccato, Colombari, Fieramosca, Galliano, Giacoma, Lui, Mirabile, Pigozzo, Rivoira, Sperone, Tallone, Taravelli, Trentin.

Le storie personali di questi atleti con limitazione fisica si sono intrecciate con le emozioni vissute in una gara impegnativa che ha messo tutti alla prova e nella quale, a loro modo, tutti hanno tagliato il traguardo da vincitori.

Grande prova per le Donne della scuderia cuneese – Valentina Rivoira di Fossano e Silvana Taravelli di Magliano Alpi - giunte sul podio in seconda posizione nelle loro diverse categorie.
La gara ha preso il via Domenica 8 Settembre nel circuito cittadino di 2,9 km con la formula di 1 ora più 1 giro – ed è stata l’occasione per festeggiare Vittorio Podestà, di ritorno dai Mondiali del Canada dove ha conquistato due medaglie d’oro e una di bronzo per l’Italia.
Primo a tagliare il traguardo, dei 65 allo start, Mauro Cratassa con la media di 37 km/h.

Il più veloce tra gli atleti P.a.s.s.o è stato il cuneese Alex Borlino, 3° nella categoria MH3. Dietro di lui Sergio Anfossi, che ha chiuso al 4° posto con la ragguardevole media di 34,4 km/h. Fermo dalla gara di luglio a Fossano, il presidente della Passo si mostra soddisfatto “per una prova che è andata meglio di quanto pensassi”.
Bravissima la fossanese Valentina Rivoira, seconda tra i WH2 riconferma i suoi grandi progressi dopo la vittoria a San Marino (nella precedente tappa del Giro d’Italia) e il bis di inizio settembre al 4° Trofeo Città di Lecco.
Ancora podio per l’altra rappresentante femminile della Polisportiva cuneese Silvana Taravelli giunta seconda in WH3.

Sul podio anche Igor Galliano, 3° nella MH1.2 Straordinaria anche la prestazione di Diego Colombari, ormai senza avversari nella MH4, Primo Assoluto e saldamente in Maglia Rosa. Una citazione a parte merita “nonno” Gianfranco Pigozzo, alla sua prima gara dopo l’incidente stradale che ne aveva compromesso la stagione, giunto al 6° posto nella MH3 non troppo distante dai compagni Borlino e Anfossi.

Il 7° posto in questa categoria è ancora per un ciclista P.a.s.s.o, il cuneese Maurizio Tallone, 11° posto per il giovane e grintoso Ivan Sperone.
Nella stessa categoria, da segnalare, infine, il 14° posto di Massimo Giacoma di Centallo (CN) che ha battagliato con il suo compagno di squadra Christian Coccato che ha così commentato: “è stata una gara bellissima, abbiamo scansato la pioggia per poco; il percorso pianeggiante mi ha aiutato ad andare più forte del solito, tanto da riuscire a raggiungere le velocità di Giacoma. Abbiamo fatto praticamente tutta la gara dandoci il cambio di scia e alla fine abbiamo realizzato una bella volata in cui mi ha battuto di un metro, io 15° con il suo stesso tempo”.
Al 16° posto si è classificato l’esordiente Lui Roberto, alla sua seconda gara, concludono la classifica della Mh3 i nostri Marco Boffa, 20° e Roberto Casetta 22°.

Vittorio Podestà vince nella categoria Mh2 e premia tutte le Maglie Rosa, Le Maglie bianche e i vincitori di categoria. Nella sua categoria, invece registriamo le posizioni dei ciclisti P.a.s.s.o, il 10° posto per Claudio Mirabile, e il 14° di Francesco Fieramosca, 21° Marcello Trentin.

Il prossimo impegno del circuito dell’handbike sarà a San Martino di Lupari, in provincia di Padova, domenica 22 settembre per l’ottava e penultima tappa del Giro d’Italia.

In bocca a lupo a tutto, verrebbe da dire.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o Cuneo Dorotea Maria Guida

4° Trofeo Città di Lecco

Il Cuneese Borlino Primo Assoluto a Lecco Primi anche Valentina Rivoira e Diego Colombari

I campioni della P.a.s.s.o. Cuneo non si smentiscono mai e lo hanno dimostrato Domenica 1° Settembre al 4° Trofeo Città di Lecco presso Lungolago Isonzo nell’omonima città.

Nella gara ciclistica Paralimpica di handbike, valevole come ultima prova del Campionato Regionale, gli atleti della Polisportiva “senza ostacoli” cuneese hanno dimostrato ancora una volta grande preparazione tecnica e bravura, conquistando i primi posti nelle rispettive categorie di gara.

Infatti, nel circuito cittadino di 3 km, da ripetersi più volte, intorno al Lungolago Isonzo di Lecco, il cuneese Alessandro Borlino si è classificato al Primo posto Assoluto, riuscendo a centrare il doppio obbiettivo che gli era sfuggito per un soffio durante la 6^ prova del Giro d’Italia HB a San Marino.

Questa volta, invece è riuscito sia ad aggiudicarsi il Primato nella sua categoria Mh3 che arrivare Primo Assoluto, confermando la sua supremazia sugli altri ciclisti con limitazione fisica. Alessandro Borlino, nello specifico ha percorso i 37,2 km di gara previsti in 1 h 04 minuti e 43 secondi circa, alla media di ben 34,48 km/h. Da registrare, nella categoria di Borlino, la Mh3, anche l’8° tempo dell’altro ciclista P.a.s.s.o. Christian Coccato.

Altro Podio e altra meritata vittoria per la fossanese Valentina Rivoira che corre nella categoria Wh2 e che a fine gara ci ha detto “Il percorso sul Lungolago era molto bello anche se impegnativo soprattutto nelle due inversioni a ‘U’. E’ stato emozionante vincere per la seconda volta consecutiva in due differenti gare, ma soprattutto condividere queste emozioni con due campioni come Alex Borlino e Diego Colombari, miei compagni di squadra alla P.a.s.s.o Cuneo. Desidero, inoltre, ringraziare parenti e amici che mi aiutano negli allenamenti e mi sostengono sempre.

Anche il Campione d’Italia, il ciclista di Moretta Diego Colombari ha replicato, conquistando ancora una volta, la Prima posizione nella categoria Mh4. Diego Colombari è anche l’attuale Maglia Rosa al Giro d’Italia Handbike che si sta disputando in questo periodo e che vedrà i campioni della P.a.s.s.o Cuneo impegnati nella prossima Tappa (la settima) a Chiavari, Domenica 8 settembre.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o

Cuneo Dorotea Maria Guida

Diego Colombari Maglia Rosa a San Marino

Diego Colombari Maglia Rosa al Giro d’Italia Handbike

Varcando i confini Italiani, nel Piccolo Stato della Repubblica di San Marino il 18 Agosto si è svolta la 6° tappa del Giro d’Italia di handbike.
La Polisportiva P.a.s.s.o. Cuneo si è presentata alla prova “estera” del Giro con un gruppo di ciclisti con limitazione fisica d’eccezione: i cuneesi Alessandro Borlino e Maurizio Tallone, insieme a Roberto Lui per l’Mh3, in Mh2 Claudio Mirabile, in Mh1.2 Igor Galliano, le due donne Valentina Rivoira e Silvana Taravelli rispettivamente in Wh2 e Wh3, e per la Mh4 il campione italiano di Moretta Diego Colombari che ha conquistato la Maglia Rosa.

Colombari dopo la gara ci ha raccontato la sua avventura Sammarinese elogiando anche gli ottimi risultati dei compagni di squadra della P.a.s.s.o: “Il viaggio, da Cuneo a San Marino, ci ha provati molto, sia per il caldo, sia per le code dovute all’esodo di ferragosto, ma la sera precedente la gara abbiamo avuto per fortuna il tempo per rilassarci facendo un giro per le vie dell’affascinante Repubblica. Al mattino sveglia di buon ora perché c’era da fare il trasferimento guidato con l'organizzazione verso il circuito prestabilito per la gara, anche se ci è stato comunicato che la salita finale prevista di 2,5 km era stata annulla. Sono rimasto un po’ deluso perchè inerpicare è il mio terreno ideale per scalare la classifica, ma alla fine ho metabolizzato il tutto e ho iniziato la sfida. Il circuito di 4,5 km da ripetersi più volte, in quel territorio collinoso, prevedeva ugualmente svariate salite, quindi molto tecnico e impegnativo. La prima parte della gara l’ho condotta secondo il mio stile: spingendo al massimo, ma poi visto che il mio avversario più insidioso mi si era attaccato dietro, ho iniziato a cambiare strategia. Alla fine con un pizzico di fortuna e con l’esperienza maturata nelle gare passate, sono riuscito ad arrivare 1° di categoria (Mh4)ma arrivando purtroppo solo 8° nella Classifica Assoluta. Pazienza, quello che contava veramente era riuscire a prendere la Maglia Rosa, inseguita da diverse Tappe e ci sono riuscito. Voglio sottolineare non solo la mia vittoria ma quella della squadra PASSO che ancora una volta si dimostra forte con i piazzamenti e le vittorie anche nelle altre categorie. Dedico la conquista della Maglia a tutte le persone che mi sono vicine e mi sostengono nei momenti più duri, soprattutto ai miei famigliari che ogni tanto trascuro per allenarmi. Grazie mille a BALFOR, BIRRA BALADIN E INALPI!”

Appuntamento a Chiavari per la Settima Tappa del Giro HB, l’8 Settembre!

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo Dorotea Maria Guida

VI Tappa Giro HB San Marino

A San Marino Podio per il cuneese Alex Borlino, Rivoira e Taravelli.

I cuneesi dell’handbike P.a.s.s.o. conquistano medaglie e strepitosi risultati Sotto l’ombra affascinante del Monte Titano, nella Repubblica di San Marino, Domenica 18 Agosto, si è disputata l’avvincente 6^ Tappa del quarto Giro d’Italia Handbike.

I cuneesi con limitazione fisica hanno dato battaglia agli oltre 73 iscritti presenti allo start nello splendido e impegnativo scenario dei colli sammarinesi e hanno riconfermato preparazione, tecnica e resistenza fisica, conquistando un bottino ragguardevole di podi, medaglie e ottimi risultati.

Nel Piccolo Stato, grazie alla collaborazione del Comitato Paralimpico Sammarinese e della Federazione Sammarinese Ciclismo, gli atleti della Polisportiva cuneese senza ostacoli hanno brillato ottenendo incredibili posizioni di classifica.

Nel percorso senza respiro molto tecnico, con un’altimetria variabile, che non ha permesso di riposare, Diego Colombari di Moretta (CN) ha ottenuto la Prima posizione in Mh4 e la tanta sospirata Maglia Rosa che ormai inseguiva da ben cinque Tappe.

Conquista la Prima posizione nella gara svoltasi con la formula 45 minuti più un giro, la fossanese Valentina Rivoira nella categoria Wh2 staccando nettamente le altre concorrenti.

Grazie al circuito appassionante che ha selezionato solo i migliori atleti dell’handbike del panorama Italiano, il cuneese Alessandro Borlino si è classificato al Secondo posto Assoluto e conquistando Podio e la Medaglia d’Argento, dietro a R. Thaler nella categoria Mh3, percorrendo i quasi 38 Km del tracciato cittadino in 1 h e 9 minuti alla media di 32 km/h. Abbiamo raccolto il commento dell’atleta a fine gara: “Sono molto entusiasta del risultato ottenuto; il Secondo posto assoluto e nella mia categoria sui 73 partecipanti al via è stato un risultato ottimo. Ringrazio i miei sostenitori Rossi Computers, Blua Geometra Paolo e Pepino Colori

 Sempre in Mh3 è da sottolineare il buon 4° Posto del cuneese Maurizio Tallone.
Un’altro 4° Posto è arrivato, per la P.a.s.s.o. dall’atleta di Loazzolo (Asti) Igor Galliano che gareggia in Mh1.2

Un buon risultato l’ha ottenuto anche l’altra rappresentante femminile della P.a.s.s.o Silvana Taravelli, di Magliano Alpi (CN) che dopo mesi di inattività è riuscita conquistare il Podio e la Terza posizione nella categoria Wh3 dichiarando a fine gara: “La gara è stata molto dura, dato che quest’anno ero proprio fuori allenamento a causa di alcuni interventi chirurgici ai quali sono stata sottoposta. Quando ho fatto il primo giro, pensavo di non riuscire a finire la gara e indipendentemente dal risultato è stata una soddisfazione personale. Sono contentissima del mio Terzo posto perché non sarei riuscita a fare di più”

Ricordiamo anche il risultato di Claudio Mirabile di Sommariva del Bosco che è giunto Ottavo nella categoria Mh2. Anche un Ottavo posto per Roberto Lui in categoria Mh3 alla sua seconda gara.
Ci preme sottolineare l’importante ruolo svolto dai volontari della P.a.s.s.o Cuneo, citando amici e familiari dei nostri che ad ogni gara si prodigano per dare le condizioni migliori agli atleti, tra tutti ricordiamo Emanuela Piumatti, Giulia, Maura presenti a San Marino e l’infaticabile autista e volontario Valter Morino, presente ormai da diverse competizioni.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo

Dorotea Maria Guida

V Tappa Giro HB Somma Lombardo

Grande lavoro di squadra per gli atleti P.a.s.s.o e il campione italiano Colombari

In attesa delle gare del circuito europeo EHC che si terranno il 20 e il 21 luglio a Fossano (CN) la squadra P.a.s.s.o. dell’Handbike si è trovata quasi del tutto riunita a Somma Lombardo (VA) per disputare la 5^ tappa del Giro d’Italia Handbike – Trofeo “Mariangela con noi”, ottenendo il secondo miglior piazzamento nella classifica a squadre.

La delegazione della Polisportiva ASD cuneese era così composta: Anfossi, Casetta, Coccato, Fieramosca, Galliano, Giacoma, Mirabile, Rivoira, Sperone, Tallone, Taravelli e Trentin insieme all’atleta di punta il campione italiano della categoria Mh4 nei recenti Campionati Italiani handbike Diego Colombari, che ha centrato un altro importante obbiettivo vincendo nella sua categoria.

Il fuoriclasse di Moretta, Colombari, ha infatti ottenuto in questa 5^ prova del Giro HB il 6° posto assoluto e la Maglia Bianca, dichiarando così a fine gara: “Sono molto soddisfatto perché oltre il 6° posto della classifica generale, sono riuscito a conquistare la Maglia Bianca vincendo nuovamente la volata intermedia e poi con una tattica diversa dal solito e con un po’ più di malizia sono riuscito a vincere la tappa. Dopo questa maglia che non avevo mai vinto e dopo il tricolore della scorsa settimana, posso sognare la Maglia Rosa anche se non sarà per nulla facile visto che la lotta e sempre più agguerrita.”

Nel circuito lungo 2,3 km da ripetersi più volte e sfidando i 105 atleti scalpitanti allo Start anche i compagni di squadra di Colombari non sono stati da meno.

La prima menzione va per l’atleta Claudio Mirabile che a seguito di una caduta in gara si è dovuto ritirare.
Complimenti alla rappresentanza femminile: Silvana Taravelli giunta 2° in Wh3 e Valentina Rivoira che ha tagliato il traguardo Terza in Wh2.

In Mh1.2 Registriamo il 4° posto di Igor Galliano. in Mh2 11° posto di Francesco Fieramosca e il 19° posto di Marcello Trentin.

Nell’affollata categoria dell’Mh3 ecco come si sono classificati i nostri atleti P.a.s.s.o: 5° Posto per Sergio Anfossi,
6° posto per Maurizio Tallone,
16° per Massimo Giacoma,
20° per Christian Coccato e
22° per Roberto Casetta.

Risultati sicuramente migliorabili che hanno permesso a tutta la Polisportiva P.a.s.s.o. di salire in vetta nella classifica a squadre aggiudicandosi il secondo posto.
In bocca a lupo a tutti i biker tesserati con la polisportiva senza ostacoli per le gare del circuito europeo di Fossano il 20 e il 21.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o.

Cuneo Dorotea Maria Guida

IV tappa Giro HB - Pavia

Ponte sul Po

Vince Anfossi. Argento per Borlino e bronzo per Colombari.

 Sono sempre più forti i ciclisti cuneesi con limitazioni fisiche e l’hanno dimostrato nella 4^ Tappa del Giro d’Italia Handbike valida anche per il “Terzo Trofeo Città di Pavia", svoltosi domenica 9 giugno, nella cittadina pavese.

Il nutrito gruppo della Polisportiva Cuneese si è distinto nello spettacolare circuito cittadino della città lombarda. Stavolta vince il ciclista e Presidente della P.a.s.s.o. Cuneo Sergio Anfossi che ha sfidato, con i compagni di squadra, i 96 partenti al via, nei quaranta km di gara.

La vittoria per il cinquantunenne fossanese Anfossi era inevitabile dopo i miglioramenti delle precedenti tappe: Quarto nella prova di Cuneo, Terzo a S. Pellegrino terme, e vincitore a Pavia in 53 minuti e 21 secondi alla media di 44,9 km/h.
Raccogliamo invece la non completa soddisfazione nelle parole dell’atleta stesso: “Non volevo mancare a questa Tappa del Giro, ma non mi ero allenato nell’ultima settimana; la gara stessa è stata d’allenamento e direi che non è andata male vista la prima posizione in Mh3 e il 7 posto assoluto. Non gioisco però, perché gli atleti Paralimpici di questa disciplina erano tutti impegnati a Merano per i mondiali di handbike. E’ stata una bella gara soprattutto perchè il mio compagno di squadra Borlino era sul podio con me, insieme agli altri tesserati P.a.s.s.o”.

Secondo posto e Medaglia d’Argento, appunto, per il cuneese Alessandro Borlino, sempre in Mh3 staccato di un solo secondo da Anfossi, che a fine gara ha così commentato: “Un ottimo secondo posto in attesa delle prossime gare; ringrazio sempre i miei sostenitori: Rossi computer, Blua Geom. Paolo e Pepino Colori.”

Gli organizzatori della gara, in collaborazione ad A.S.D. Gruppo Ciclistico Destro, hanno tra l’altro premiato i primi 5 della categoria Mh3 nella quale con Anfossi e Borlino, ha ricevuto il premio Maurizio Tallone di Cuneo giunto appunto al quinto posto in 56 minuti e 31 secondi. Gran bel risultato per i ciclisti P.a.s.s.o., bottino che sarebbe stato sicuramente ancor più ricco se avesse gareggiato anche il fortissimo Gianfranco Pigozzo, infortunato durante un allenamento.

Medaglia di Bronzo nella categoria Mh4 per l’atleta di Moretta Diego Colombari arrivato terzo dopo una brutta caduta a 500 metri dal traguardo che ne ha compromesso la vittoria. Soddisfatto il Responsabile Generale P.a.s.s.o.

Remo Merlo che ha detto a fine gara: I nostri atleti sono sempre più forti di gara in gara. Il Giro d’Italia HB che stanno disputando li rende sempre più veloci e competitivi” Registriamo, infine, gli altri piazzamenti dei ciclisti P.a.s.s.o. In Divisione Mh1.2 Igor Galliano 8^.

Nella Categoria Mh2, Francesco Fieramosca di Albenga, è giunto al quindicesimo posto. Nella Categoria Mh3, gli altri atleti si sono così classificati: all’11° posto Ivan Sperone, 19° Massimo Giacoma di Centallo, 23° Roberta Casetta di Bra, 24° Marco Boffa di Verzuolo, 27° Christian Coccato di Gassino Torinese.

Prossimo appuntamento a Somma Lombardo il 14 luglio per la 5^ Tappa.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo – Dorotea Maria Guida .

La P.a.s.s.o e Anfossi protagonisti Euripei all'EHC di Fossano

L’appuntamento era uno di quelli a cui non mancare: la 3° prova del Campionato Europeo di Handbike (valida anche come 9^ edizione del “TROFEO CARROZZERIA FRANCO-MEMORIAL SERENA) - organizzata da Sergio Anfossi e da numerosi collaboratori della P.a.s.s.o. Cuneo nel weekend del 20-21 Luglio.

Ancora una volta la manifestazione ha regalato numerose soddisfazioni e vittorie. La 2 giorni di gare (Sabato gara in linea su circuito cittadino e Domenica la Cronometro individuale), ha visto sfidarsi ben 102 atleti provenienti da 15 nazioni, in due competizioni di alto livello, vista anche la presenza di numerosi atleti di spicco, tra i quali citiamo tra gli italiani Vittorio Podestà e Francesca Fenocchio, vincitori di una medaglia d'argento alle Paralimpiadi di Londra 2012.

La gara in linea del sabato decreta la vittoria assoluta del francese David Franek seguito a poca distanza da Vittorio Podestà.

La P.a.s.s.o. Cuneo si distingue con un ottimo bottino:

1° Posizione in categoria MH4 per Diego Colombari, da poco laureatosi Campione Italiano a Cronometro, che con questa ulteriore vittoria conferma il suo stato di forma.

6° Posizione per Valentina Rivoira nella categoria WH2

9° posizione di categoria MH1.2 per Igor Galliano,

13° posizione per Francesco Fieramosca e 14° posizione di Claudio Mirabile appaiati al traguardo nell'affollata categoria MH2 1

1° posizione per Maurizio Tallone, 14° posizione per Ivan Sperone, 21° posizione per Massimo Giacoma, 25° posizione per Marco Boffa nella numerosa categoria MH3. Sfortunati Christian Coccato - 27° - e Roberto Casetta, entrambi afflitti da problemi tecnici che hanno fatto perdere molto tempo al primo e costretto al ritiro il secondo.

La giornata di Domenica ha confermato la spettacolarità della competizione e messo in evidenza la tenacia degli atleti, che hanno sfruttato tutte le loro energie rimaste nei 16 km del percorso adibito alla Cronometro individuale. Vincitore assoluto, Vittorio Podestà che ha completato la gara ad una media superiore ai 38 km\h.

Ancora una volta grandi prestazioni per la P.a.s.s.o. che porta a casa la vittoria di Diego Colombari che si riconferma nella categoria MH4.

9° Posizione per Igor Galliano

13° posto per Claudio Mirabile, 17° per Francesco Fieramosca

11° posizione per Alessandro Borlino, 13° per Sergio Anfossi, 19° per Ivan Sperone, 21° per Massimo Giacoma, 26° per Marco Boffa e 27° per Roberto Casetta.

Non ha purtroppo potuto prendere il via Christian Coccato, afflitto da problemi fisici.

Diego Colombari commenta: “Sono molto soddisfatto della gara di Sabato dove sono arrivato 12° assoluto senza farmi doppiare. La Domenica l'emozione più grande è stata quella di aver corso con la maglia tricolore addosso, quindi la fatica del giorno prima non la sentivo!”. Alessandro Borlino aggiunge: “Sono contento della mia prestazione nella gara a Cronometro contando che non ero stato molto bene durante la settimana e faccio i complimenti a tutti i miei compagni di squadra e in particolare al Nostro Presidente Sergio Anfossi per questa 2 giorni di Handbike. E' stata una manifestazione organizzata alla grande, le due gare sono state spettacolari sia dal punto di vista tecnico che atletico”. Anche Francesco Fieramosca dichiara: “E' stata una gara con un percorso abbastanza impegnativo! Ma sono soddisfatto della mia prestazione pur avendo corso con campioni di varie nazioni”
Valentina Rivoira conclude dicendo: “Era la prima volta per me nella gara di casa. E' stata dura affrontare la salita di San Lazzaro ma lo spettacolare tifo di casa mi ha spinta a dare il massimo!”.

Un rinnovato ringraziamento in primis a Sergio Anfossi e anche a tutti quelli che con il loro lavoro hanno reso possibile la riuscita di questa manifestazione.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o Cuneo

Ivan Sperone (atleta Handbike)

Conferenza Stampa di presentazione 3 Prova Gare EHC di Fossano

Prova valida per il 9^ "TROFEO MEMORIAL SERENA" - Carrozzeria Canavesio

Presentato a Fossano il grande evento degli Europei EHC di Handbike

In un clima caldo e ricco di entusiasmo, a Fossano (località Cussanio) presso Hotel-Ristorante “Giardino dei Tigli”, l’11 luglio, si è svolta la conferenza stampa di presentazione della Gara 3 EHC – Europei di Handbike. Dopo Rosenau (Francia) e Louny (Repubblica Ceca) Fossano sarà la terza tappa del Circuito Europeo di Handbike organizzato dall’EHF (European Handcycling Federation).

La competizione di livello internazionale avrà qui il suo unico appuntamento italiano. L’evento agonistico internazionale, che si disputerà per la seconda volta, nel centro storico di Fossano sabato 20 Luglio (gara in linea) e Domenica 21 con la prova a Cronometro nel tracciato di Cussanio, è candidato a bissare il successo dello scorso anno.

Infatti, sono 102 gli atleti iscritti in rappresentanza di 15 Paesi compresa l’Italia, comprese 12 donne e grandi campioni di questa disciplina tra i quali le medaglie Paralimpiche.

Nel salone gremito da tanti sostenitori, giornalisti e addetti ai lavori, lo speaker d’eccezione Mario Piccioni ha introdotto i rappresentanti delle autorità locali e regionali e i promotori della kermesse. Primo tra tutti Sergio Anfossi, Presidente della Polisportiva P.a.s.s.o Cuneo e organizzatore della gara ciclistica Paralimpica, nella doppia veste di atleta e di fondatore della ASD cuneese, che sin dallo scorso anno ha voluto fortemente portare nella città degli Acaja la disciplina emergente dell’handbike (letteralmente bici a mano).

Per il Comune, l’assessore Maurizio Bergia, ha manifestato ad Anfossi il plauso da parte del sindaco di Fossano Francesco Balocco esprimendogli la gratitudine per aver portato lustro alla città fossanese grazie alle giornate di gare internazionali; poi ha insistito sull’importante messaggio lanciato da questa gara e da questi atleti, che mettendosi in gioco ogni giorno, riescono a superare limiti fisici e mentali.

La signora Anna Montini, per la Provincia, portando il saluto della Presidente Gancia, ha posto l’accento sul valore e il coraggio delle persone con limitazioni fisiche che sono un continuo esempio per quanti non credono nelle proprie capacità.
La Cassa di Risparmio di Fossano, grande sponsor di questi Europei, rappresentata dal Dott. Silvio Mandarino, è riuscito, sebbene il periodo di crisi, a fare fronte alla manifestazione, rimarcando il concetto di riuscire semplicemente a mettere del carburante nel motore di un evento già collaudato.

Non potevano mancare Beppe Tavella e Franco Canavesio (quest’ultimo nella veste di Presidente della Confartigianato di Fossano) sostenitori e partner storici della gara di handbike legata al Trofeo Carrozzeria Canavesio “Memorial Serena” giunta alla 9^ edizione. .

L’avvocato Mario Rosso, per la P.a.s.s.o., ha esortato a riflettere sul significato della Promozione dell’Attività Sportiva Senza Ostacoli, ossia una concretizzazione dell’articolo 3 della Costituzione, per il quale ogni individuo dovrebbe essere messo in grado di superare gli ostacoli.

A rappresentare i biker della P.a.s.s.o. il gruppo di atleti composto da Diego Colombari, campione italiano nella categoria mh4, Alex Borlino, Roberto Casetta, Massimo Giacoma, Claudio Mirabile, Valentina Rivoira, Ivan Sperone e Silvana Taravelli, pronti a dare battaglia ai tanti campioni sfidanti.

In ultimo, ma non di meno, la commossa sintesi del pensiero di Sergio Anfossi che ha esordito individuando nello sport uno dei mezzi più espressivi per il superamento degli ostacoli culturali e ambientali, che gli ha permesso negli anni, una crescita umana e sportiva oltre che di squadra. Ha esortato fortemente, i suoi “ragazzi” (gli atleti presenti in prima fila) a prendere come esempio i suoi periodi negativi dai quali si è sempre risollevato.

Poi ha illustrato le Gare dalle caratteristiche invariate rispetto al 2012. Per la Gara in Linea, partenza sabato 20 luglio da via Roma alle ore 18,00 su un percorso cittadino di 4,4 km da ripetersi 9 volte per un totale di 39,6 km. Per la gara a Cronometro, partenza presso la rotonda di Frazione Cussanio alle ore 10,00 di Domenica 21 luglio per percorrere un tracciato pianeggiante di 6,7 km da percorrere due volte, per un totale di 13,4 km

Alla fine, Anfossi, ha voluto fortemente ringraziare i frazionisti di Cussanio, i volontari della Croce Bianca e del Gruppo comunale di Protezione Civile, i Carabinieri in congedo, i radioamatori del Papa Golf Club, il Gruppo Interforze, 1° Reggimento Artiglieria da Montagna, il Gruppo Giovani Croce Rossa, la Polizia locale e Polizia di Stato e tutti i volontari e amici che hanno contribuito all’organizzazione dell’evento. Vi aspettiamo sabato e domenica 20 e 21 Luglio per le gare entusiasmanti!

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo

 Dorotea Maria Guida

Campionati Assoluti Paraciclismo: Vince Colombari

E’ Colombari il Campione d’Italia. Determinati e grintosi i compagni di squadra.
Il titolo quest’anno è suo! Diego Colombari di Moretta (CN), il giovane amputato dell’Handbike, ha conquistato la medaglia d’oro ai Campionati Italiani Assoluti di Paraciclismo che si sono svolti il 6 e il 7 Luglio a Verolanuova in provincia di Brescia nella gara su Strada e a Cronometro.

Bravi, determinati e grintosi i compagni di squadra: Anfossi, Borlino, Casetta, Coccato, Fieramosca, Mirabile e Rivoira della Polisportiva P.a.s.s.o. che si sono distinti e hanno realizzato ognuno delle vittorie personali.
Anche perché quest’anno i Campionati di Paraciclismo hanno registrato un ottimo il livello di partecipazione e di organizzazione, ricevendo grande attenzione da parte della dirigenza Federale con la presenza del Presidente Di Rocco e dei vicepresidenti Isetti e Gamba e del Presidente Regionale Lombardia FCI Bernardelli.

La gara che ha incoronato Colombari nella categoria Mh4, è stata la CRONO nella quale ha percorso i 22 km del tracciato in appena 37 minuti e 18 secondi, con una media di 35 km/h. Ecco le parole dell’atleta a fine gara: “Insieme alla squadra abbiamo disputato un ottima prova. Personalmente sono amareggiato per la gara su Strada di sabato persa in volata per pochi centimetri e tanta inesperienza a causa di una foratura dello pneumatico ma nella cronometro dove non esistono compromessi ma solo lotta contro il tempo e contro se stessi mi sono preso la mia meritata rivincita! Un grazie enorme a Balfor, Inalpi e Birra Baladin.

Eccellenti risultati anche per i compagni di squadra che gareggiavano nelle altre categorie. Alessandro Borlino di Cuneo in Mh3 ha fatto registrare il 4° tempo; distaccato di pochissimo Sergio Anfossi di Fossano che ha tagliato il traguardo in 6^ posizione, 16° Christian Coccato di Gassino torinese e 17° Roberto Casetta di Bra.
In Mh2 il 10° di Claudio Mirabile è una vittoria personale raggiunta dopo mesi di non perfetta condizione fisica e il 13° posto di Francesco Fieramosca nella stessa categoria, che denota dei miglioramenti costanti. La rappresentante femminile della P.a.s.s.o.,
Valentina Rivoira è giunta 6° in WH2 La gara su STRADA del 6 luglio, invece, ha regalato forti emozioni e una grande delusione.

L’emozione più grande è stata il 4° posto di Sergio Anfossi Presidente della Polisportiva Senza Ostacoli cuneese che a 52 anni e dopo una stagione di stop per problemi fisici si è rimesso in gioco e ha trovato la determinazione necessaria per tornare a lottare e prendersi ancora delle piacevoli soddisfazioni (testuali parole).

Infatti, Anfossi ha percorso i 40 km del circuito cittadino in poco più di 1 h e 9 minuti alla media di 34km/h alle spalle dei campioni italiani handbike di questa categoria: Cratassa, Achenza e Thaler che sono arrivati in volata. Sempre in Mh3 Alessandro Borlino 7°, Roberto Casetta e Christian Coccato che si sono invertiti le posizioni della Crono, giungendo rispettivamente 16° e 17°.
Nella categoria Mh2 con 35 ciclisti al via Claudio Mirabile ha riconfermato la sua tenacia giungendo all’11° posto e Francesco Fieramosca sempre 13°.
Riconfermata la posizione in Wh2 di Valentina Rivoira di Fossano al 6° posto.
La delusione più grande della prova su Strada è stata dalla foratura accorsa a Diego Colombari che si apprestata a laurearsi Campione d’Italia anche in questa prova ma un intoppo a pochi metri dal traguardo, lo ha rallentato di un solo decimo dal vincitore Bressanelli.

Malgrado questo intoppo, i ciclisti dell’handbike cuneese sono stati tutti a pari merito forti e grintosi; si possono considerare ragazzi della porta accanto che lavorano e si allenano faticosamente nei ritagli di tempo, con pochi mezzi e aiutati da piccoli sostenitori locali ma, in occasione di gare importanti come i Campionati Assoluti hanno dimostrato di sapere stare al passo dei campioni Paralimpici e anche in vetta!

Ufficio Stampa P.a.s.s.o Cuneo

Dorotea Maria Guida

12^Trofeo Handbike Lombardia - Villa d'Almè

COLOMBARI STRAVINCE E DEDICA VITTORIA A PIGOZZO

E' diventato ormai molto forte e veloce Diego Colombari, il trentunenne di Moretta (CN) che a Villa d'Almè (BG) il 2 giugno ha disputato il 12° Memorial Ghisalberti – Trofeo Handbike della Lombardia.
Colombari ha tagliato il traguardo per primo su 58 partecipanti, percorrendo i 24 km di gara in 00:42:32 alla media di 33,856 Km/h. La vittoria è stata segnata però dall'amarezza per l'infortunio avvenuto al compagno di squadra e amico Gianfranco Pigozzo durante un serrato allenamento e per il quale il vincitore cuneese ha avuto parole d'amicizia e rincuoranti durante l'intervista rilasciata a fine gara.
Ormai il giovane tesserato P.a.s.s.o. Cuneo è tra i più forti ciclisti italiani dell'Handbike, la specialità che si corre "pedalando" con la forza dalle braccia. E' anche un importante trascinatore. Infatti, a emulare i suoi ottimi risultati e i suoi tempi sempre più veloci ci sono i compagni della Polisportiva Cuneese.
Premiato dalle autorità presenti a Villa d’Almè, Diego ha subito commentato: “sono molto soddisfatto della mia prestazione, non mi sarei mai aspettato di vincere la gara nella classifica generale, mi sentivo bene nonostante avessi gareggiato il giorno prima; [terza tappa Giro d’Italia HB – San Pellegrino Teme, giunto secondo N.d.R] mi sentivo in forma e allora ho spinto al massimo. Sono felice perchè giornate così mi danno la forza e nuovi stimoli per continuare ad allenarmi. Ringrazio quanti mi sostengono, in particolare: Birra Baladin, Inalpi e Balfor.

Dedico questa vittoria al mio compagno di squadra Gianfranco Pigozzo che non era presente alla gara perché impegnato in un duro allenamento durante il quale si è infortunato”.

Infatti, c’è giunta notizia che Pigozzo si è scontrato con un SUV riportando fratture costali, della clavicola e della mano destra e contusioni multiple. Si sono uniti in un abbraccio ideale a Gianfranco anche gli altri compagni di squadra che hanno disputato il 12° Trofeo HB della Lombardia.

Ivan Sperone alla sua terza gara è riuscito ad ottenere un buon 4^ posto nella categoria Mh3 e ci ha detto: “ Ho partecipato a Villa d'Almè su consiglio dei compagni. Il percorso di gara mi è piaciuto, soprattutto le salite. Durante la gara, nonostante la stanchezza della Tappa del Giro, stavo bene e sono contento per il piazzamento ottenuto. Sono molto contento per il trofeo conquistato dalla nostra squadra nonostante fossimo solo in tre tesserati P.a.s.s.o., ma la vittoria di Diego e la grande prestazione di Francesco ci hanno portato in vettaHo.”

Infatti, Francesco Fieramosca che corre in Mh2 si è classificato al quinto posto, disputando una gara molto agguerrita. Tutta la Polisportiva P.a.s.s.o. approfitta di questo spazio per fare gli auguri di una veloce guarigione al decano Gianfranco Pigozzo.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo – Dorotea Maria Guida

III Tappa Giro HB San Pellegrino Terme

Nella Locandina il nostro Colombari

In 3 sul podio e ottime prestazioni per tutti i cuneesi dell’handbike

Di gara in gara le prestazioni degli atleti con limitazioni fisiche tesserati P.a.s.s.o. Cuneo sono sempre più sorprendenti.
Sabato 1° giugno i rappresentanti della Polisportiva cuneese (undici) hanno disputato la 3a Tappa del Giro d’Italia Handbike svoltasi nel circuito cittadino di San Pellegrino Terme e inserita nel calendario della manifestazione comunale “10 ore di sport e solidarietà”.

Anfossi, Boffa, Casetta, Colombari, Fieramosca, Giacoma, Mirabile, Pigozzo, Rivoira, Sperone e Tallone, che rappresentavano la Granda, hanno sfidato un centinaio di atleti partiti in due sezioni differenti per disputare i quasi due km di percorso nella formula “45 minuti + 1 giro”, acquistando subito ottimi risultati.

Podio per Sergio Anfossi di Fossano, Presidente della P.a.s.s.o., che è giunto TERZO nella categoria MH3 (con il tempo di 47’18”) che ha visto vincitore assoluto Mauro Cratassa e secondo Thailler. Subito dopo Anfossi, staccato di qualche decimo, Gianfranco Pigozzo che ha tagliato il traguardo in QUARTA posizione.
Nella stessa categoria registriamo l’ottavo posto di Maurizio Tallone di Cuneo, il 10° posto di Ivan Sperone alla sua seconda gara, il 20° per Massimo Giacoma di Centallo, il 23° per Roberto Casetta di Bra e il 25° posto per Marco Boffa di Verzuolo.

Podio anche per Diego Colombari di Moretta, che gareggia in MH4, giunto SECONDO, tagliando il traguardo in 49’18” a sette centesimi dal vincitore Fabrizio Caselli. Colombari, a fine gara, ci ha rilasciato il seguente commento: “Oltre al 2° posto nella mia categoria e il 6° posto, su 78 allo start, nella classifica assoluta, credo di non essere andato male anche per il fatto che il mio sogno per la maglia rosa continua e vedremo se prima o poi riuscirò a realizzarlo”.

Ancora un podio per Valentina Rivoira di Fossano, TERZA classificata nella sessione WH2, categoria che ha visto vincitrice Rita Cuccuru. Roberto Brigo ha vinto la tappa e la maglia nella categoria MH2, nella quale Claudio Mirabile di Bra si è classificato al 6° posto e Francesco Fieramosca di Albenga al 13°.

Ad anticipare la tappa, la mini pedalata dei bimbi guidati dal campione Ivan Gotti che ha espresso il suo entusiasmo e la sua stima nel vedere gareggiare gli handbikers.
Ottima l’organizzazione da parte della società sportiva PromoEventi Sport guidata da Giovanni Bettineschi.

La quarta tappa del Giro d’Italia è in programma il 9 giugno a Pavia. Ufficio stampa P.a.s.s.o. Dorotea Maria Guida

Campinato Italiano F.C.I a squadre d'Handbike - Parma 19-05-2013

Foto Ivan Sperone

Buona prova per l'Handbike di Cuneo a Parma.

Per la classifica clicca QUI

 Trasferta di gara positiva per la Polisportiva P.A.S.S.O. Cuneo che Domenica 19 Maggio, con Sergio Anfossi, Diego Colombari, Francesco Fieramosca e Ivan Sperone ha partecipato alla “7° edizione dell' Hand-Bike Marathon Bici-Parma Po”, prova valida per il Campionato Italiano F.C.I. per Società di Handbike.

I ragazzi partono dall'albergo a Parma in direzione Polesine Parmense per la partenza della gara accompagnati da una pioggia battente, ma poco prima di scaricare le loro bici, smette di piovere e alle 10 - l’ora della partenza - appare finalmente un bellissimo sole che riscalderà tutti gli atleti e le loro handbike (più di 90 al via!), per tutta la durata della bella (e molto ben organizzata) gara.

Diego Colombari vince la categoria MH4 con il tempo di 1:30'36"7 nonostante una foratura e commenta: "Rientro a casa soddisfatto, ovviamente non del piazzamento in classifica generale che é sicuramente il peggiore da inizio stagione, ma di essere riuscito a rientrare e concludere la gara dopo un pit-stop obbligato da una foratura al 9°km". Sergio Anfossi ottiene un ottimo quarto posto di categoria MH3 e chiude con il tempo di 1:15'19"1.
"Sono contento del mio piazzamento perché ero sotto antibiotico da 8 giorni. Ora beccare i primi tre sarà un’impresa ardua, ma nulla vieta di provarci e spero di avere la salute per proseguire i miei allenamenti e nelle prossime gare vedremo cosa ne uscirà. Ringrazio di avere un gruppo splendido e ritrovarmi a gareggiare e condividere con loro questi momenti mi riempie il cuore di gioia".

Ivan Sperone arriva tredicesimo di categoria MH3 in 1:36'25"1 attardato da un problema meccanico all’handbike, ma è contento del suo stato di forma attuale e di come è riuscito a pedalare durante la gara. Francesco Fieramosca si classifica con un eccellente tredicesimo posto dell'affollata categoria MH2 in 1:25'31"5 e si ritiene soddisfatto del risultato ottenuto e di come ha condotto la gara.

Prossimo appuntamento per la P.A.S.S.O alla Terza Tappa del Giro D’Italia di Handbike, che si disputerà Sabato 1° Giugno a San Pellegrino Terme (BG) e vedrà continuare l’accesa lotta per la conquista o la conferma delle Maglie Rosa e Bianche di categoria.

Testo di Ivan Sperone

II Tappa Cuneo - 15 Campioni P.a.s.s.o

E’ da poco calato il sipario sul grande palcoscenico della gara di Handbke che si è svolta a Cuneo sabato 27 Aprile, ma l’eco dell’impresa dei suoi protagonisti è ancora potente.
Gli atleti che hanno corso la gara di Paraciclismo valida per la seconda prova del Giro d’Italia HB erano più di 100: c’erano gli italiani provenienti da tutta la Penisola, gli stranieri come il gruppo dell’handbike Barcellona, i francesi e gli svizzeri, c’erano gli Azzurri Podestà (che ha vinto la gara), Fenocchio e Cratassa;
e poi c’erano loro: i 15 “campioni” con limitazioni fisiche tesserati con la nostra Polisportiva. Anche loro erano arrivati sabato nel parcheggio del Foro Boario di Cuneo per scaricare le loro biciclette “a mano”, da soli o accompagnati dalle famiglie e avevano portato con se un carico di storie personali, motivazioni, obbiettivi da raggiungere, speranze e sogni.
Li ho incontrati tutti facendomi contagiare dalla loro incredibile carica sportiva. “Sono fiero di loro” – ha detto il nostro Responsabile Generale Remo Merlo a fine gara – perché indipendentemente dalle posizioni di classifica ottenute, hanno terminato tutti la gara del circuito cittadino che era molto impegnativo, anche gli esordienti. Sono grandi”. Ha concluso Merlo.

Il primo in ordine alfabetico, ma anche per carisma e tenacia, è
Sergio Anfossi. Il 52enne fossanese Presidente della Polisportiva senza ostacoli sabato era proprio lì, tra i suoi ragazzi che lui stesso ha invogliato e convinto a praticare l’handbike dopo quei drammatici incidenti che li avevano resi paraplegici.
Anfossi si era allenato duramente in Marocco nei mesi invernali e tornato in splendida forma è riuscito a conquistare il 4° posto nella categoria H3 nella gara di Cuneo, percorrendo i 33,4 km del tracciato in 1h e 05 minuti, alle spalle di Thaller, Cratassa e del vincitore Libanore.
Marco Boffa, di Verzuolo, è arrivato 26° in H3. Classe 1972 atleta Inail, si era già distinto a Ovindoli (AQ) durante le recenti gare di Sci Alpino Paralimpico, è stato un po’ sfortunato nella gara poiché si è ribaltato, ma rimesso in pista ha terminato lo stesso la sua corsa.
Il cuneese Alessandro Borlino, classificatosi al 6° posto sempre in H3 in 1h 06’ a fine gara ci ha detto: “Son felice della prestazione fatta in questa prima gara della stagione, sono ingrato al pubblico cuneese per il supporto e l'incitamento con il quale mi ha incoraggiato. Desidero, inoltre, ringraziare per il sostegno: BLUA Geom. PAOLO; PEPINO COLORI s.n.c., Rossi Computer s.n.c.".
Roberto Casetta, quarantenne di Bra, accompagnato da moglie e figlia, è giunto 23° in H3.
Da Gassino Torinese il 32enne Christian Coccato è arrivato in gara, come sempre, con l'adorabile Ylenia e l'inseparabile Bobo (uno Straffordshire Bull Terrier), classificandosi al 21° in H3.
Il favorito di “casa” P.a.s.s.o. Diego Colombari di Moretta, giunto 2° in 1h 04 14, si era già distinto durante la Prima Tappa del Giro d’Italia HB a Roma arrivando 3° nella sua categoria H4 e vincendo la Mezza Maratona di Genova del 17 Marzo. Nella gara cuneese ha perso la Maglia Rosa per un soffio o per quei maledetti 2 decimi di secondo che lo hanno penalizzato nella volata con Fabrizio Caselli (il vincitore di categoria). Ecco il commento di Colombari a fine corsa: “la gara è stata molto combattuta fin dall'inizio, abbiamo fatto i primi due giri a velocità pazzesca infatti mi stupivo del fatto che ero appaiato con i corridori Paralimpici: sono lenti - pensavo - poi ho visto il tempo sul giro e ho capito che ero io che correvo più forte di loro. Al secondo giro c'è stato il traguardo volante ed è lì che si è decisa la gara. Poi ho continuato a spingere al massimo e quindi siamo rimasti in due della mia categoria e abbiamo continuato a spingere il più possibile per cercare di riprendere i sei fuggitivi. Giro dopo giro ero convinto che l'impresa di prendere la Maglia Rosa era possibile ed invece alla volata finale mi è sfuggita per un pochissimo! Penso di aver fatto una gara bella, combattuta, ma la cosa che più mi ha colpito è stata l'affetto che la gente di Cuneo ha dimostrato verso questo sport così poco conosciuto. Credo che nonostante la disabilità, la gente abbia capito che facciamo sul serio sulle nostre bike, quando “voliamo” a oltre 50 Km/orari. Un grazie di cuore a tutti i tifosi che ci incitavano in particolar modo ai miei supporter di fiducia BIRRA BALADIN, BALFOR, INALPI. Grazie anche a tutti quelli che hanno permesso e collaborato per questa gara!

Igor Galliano di Acqui Terme è uno dei tre nuovi tesserati, gareggia in H1.2, classe 1980. Nonostante la sua tetraplegia ha corso la sua gara d’esordio con la stessa grinta e con la stessa tenacia dei suo compagni di squadra che durante il backstage lo guardavano con una sorta di ammirazione. Ha finito la corsa al 6° posto della sua categoria. Complimenti a Galliano!
Il “macho” di Centallo, Massimo Giacoma che corre in H3, penalizzato in molte gare per una bici non adatta, si è piazzato nella gara di Cuneo in 17° posizione grazie ad una nuova handbike.
Il 29enne di Albenga Francesco Fieramosca, alla gara di Cuneo non era accompagnato dal suo bambino Edoardo e senza quell’importante fan si è classificato al 20° in H2, però ha voluto lo stesso a fine gara, ringraziare la sua famiglia e i supporter che gli permettono di fare sport: PARAFARMACIA SAN MICHELE, NOBERASCO, INTEGRATORI ALIMETARI Più WATT, PALESTRA YOU NIVERSE.
Anche Claudio Mirabile di Sommarriva del Bosco corre in H2, ha portato a termine la gara in 15° posizione, dopo una stagione nella quale si è potuto allenare molto perché non in forma.
Settimo, meritatissimo posto per il torinese Gianfranco Pigozzo, classe 1956 che per buona parte della gara di Cuneo era rimasto attaccato al suo compagno di squadra Anfossi del quale era stato mèntore negli anni passati, ma poi gli è “mancato il fiato” come ha commentato lui stesso tagliando il traguardo in 1h e 07’ in H3.
L’unica e applauditissima donna della scuderia P.a.s.s.o. è la fossanese Valentina Rivoira che corre in WH3 e che si è classificata al 5° posto. La Rivoira aveva esordito l’anno scorso a settembre nella gara di Monza.
La seconda recluta della Polisportiva cuneese è Ivan Sperone classe 1983 che si classificato all’11° nella sua gara d’esordio in H3.

Ha fatto meglio l’altro cuneese Maurizio Tallone terminando la gara in nona posizione sempre in H3.
Chiude il nostro piccolo reportage sugli atleti dell’ASD Senza Ostacoli Marcello Trentin, anche lui nuovo tesserato per il 2013 che ha terminato la sua gara d’esordio al 26° posto in H2.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo Dorotea Maria Guida

II Tappa Giro HB - La sfida di Cuneo

La Sfida e la Vittoria di una città

La città di Cuneo come un grande palcoscenico e gli attori che ne sono stati protagonisti, hanno sostenuto e vinto la Grande prova della Seconda Tappa del Giro d’Italia Handbike svoltasi sabato 27 aprile 2013.

Cuneo ha sfidato soprattutto le condizioni meteo, date pessime con previsione di pioggia, e invece, un caldo e birichino tempo assolato ha accolto i quasi 110 atleti con limitazioni fisiche che si sono dati battaglia con partenza e arrivo sul sagrato di Piazza Galimberti.
Una vittoria, certamente è da ascriversi alla macchina organizzativa. L’Associazione P.a.s.s.o. con il patrocinio della Regione Piemonte e con la collaborazione del Comune di Cuneo, ha avuto un main partner/Sponsor d’eccezione: La Michelin.
Lo Stabilimento Michelin Ronchi in occasione dei festeggiamenti per il cinquantesimo anniversario dell’apertura dell’azienda ha voluto fortemente e sostenuto la gara di Handbike sin dai prodromi.

Vince la P.a.s.s.o. e tutti gli uomini che ne fanno parte: Il Presidente ASD Mario Rosso, colui il quale è stato definito Deus ex Machina Remo Merlo, il Presidente della Polisportiva Sergio Anfossi che era in gara, Alberto Bessone, Chiara Beltramo, il fotografo Mario Giordano e il suo staff. Un plauso inderogabile ai volontari del Centro Coordinamento Ciclismo Libertas Cuneo, al Gruppo comunale cuneo Volontari Protezione Civile, ai volontari della Michelin Sport Club Cuneo, alla Confindustria Cuneo, Acqua Eva, ai collaboratori degli Uffici Tecnici, alla Polizia di Stato e tutte le altre Forze dell'Ordine.

La vittoria più grande invece è stata degli atleti disabili che con la loro partecipazione sportiva e il grande contributo umano hanno regalato al pubblico cuneese un mix d’emozioni indimenticabili. Tra questi atleti ciclisti c’erano gli amici Spagnoli “dell’Handbike Barcellona”, francesi, e svizzeri. Gli azzurri Paralimpici Podestà, Fenocchio e Cratassa.

I quindici valorosi tesserati con la Polisportiva di casa con in testa Sergio Anfossi, Marco Boffa (atleta INAIL), i cuneesi Alessandro Borlino e Maurizio Tallone, la rappresentante femminile Valentina Rivoira esordiente insieme a Marcello Trentin, Igor Galliano e Ivan Sperone, poi i collaudatissimi: Diego Colombari, Massimo Giacoma, Francesco Fieramosca, Claudio Mirabile, Gianfranco Pigozzo, Christian Coccato, Roberto Casetta.

Un ringraziamento in ultimo, ma non di meno, all’organizzazione Giro d’Italia Handbike che ha lavorato fino a tarda sera per vagliare e preparare la classifica dei vincitori per categorie, ma un guasto ai sistemi elettronici ha complicato queste fasi delicatissime di attribuzione di tempi e posizioni, che mostreremo nel dettaglio in un altro comunicato. Per la cronaca ha vinto Vittorio Podestà nella classifica assoluta e in Mh2 che ha percorso i 33 km del tracciano in un 1h e 01.

Le altre vittorie sono state di Davide Giozet primo in Mh1.1, Federico Villa in Mh1.2, Federico Libranore in Mh3, Fabrizio Caselli in Mh4. Le donne migliori sono state: Monica Bonelli in Wh1, Francesco Fenocchio in wh2 e Valeria Corazzin in Wh3.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo Dorotea Maria Guida

N 11 -Sodalizio Michelin e P.a.s.s.o

Comunicato Stampa Sodalizio Michelin Cuneo e la Polisportiva P.a.s.s.o. Mancano due giorni all’attesissima Seconda Tappa del Giro d’Italia e la P.a.s.s.o. è fiera di raccontare il sodalizio che ha avuto con la Michelin di Cuneo.

Negli ultimi anni la Michelin si è costantemente impegnata a realizzare progetti e collaborazioni con la P.a.s.s.o. Cuneo, fornendo il supporto per realizzare importanti eventi. Questo è l’anno nel quale lo stabilimento Michelin di Cuneo festeggia 50 anni di vita e attività e nel quale il sodalizio Michelin - P.a.s.s.o si rafforza.

La costruzione dello stabilimento cuneese è stata avviata nel 1961, il primo pneumatico usciva dalle presse il 30 settembre 1963. Sono i primi passi di un lungo percorso di crescita costante, testimoniato dalle 12.000 persone che vi hanno lavorato in questi anni e dagli oltre 250 milioni di pneumatici prodotti.
Oggi, Michelin Cuneo è il maggiore stabilimento di pneumatici in Italia, oltre che uno dei più grandi siti Michelin in Europa, grazie a una capacità produttiva di circa 14.000.000 di pneumatici l'anno.
In questo spirito, Michelin Cuneo da sempre realizza, con la collaborazione di scuole e amministrazioni pubbliche, eventi locali per condividere l'attenzione e l'impegno costante, per tutti, a cominciare dai più piccoli, per la sicurezza stradale e la Diversity, che per Michelin è sinonimo di ricchezza umana.

“La missione della Michelin è di contribuire al progresso per mobilità delle persone e delle merci e noi siamo profondamente convinti – riferisce il responsabile della Comunicazione Guido Baudino - che una mobilità moderna e sostenibile debba essere anche sicura. Per questo ci impegniamo nel coinvolgimento e nell’educazione delle persone, primo e decisivo attore della sicurezza stradale. I giovani, in particolare, sono al centro delle nostre numerose iniziative sia perché, purtroppo, le statistiche ci dicono che sono la fascia di età più “a rischio” sia perché una volta educati al rispetto delle regole essi stessi se ne fanno portavoce verso gli adulti”.

Lo stabilimento Michelin di Cuneo ha a cuore il rapporto con le comunità e il territorio e per questo partecipa da diversi anni alla realizzazione di queste attività. Un tema che sta molto a cuore è la "diversity" la diversità tra persone per ragioni di sesso, etnia, condizioni fisiche ecc. “Noi riteniamo – prosegue Baudino - che la diversity sia una ricchezza per la nostra Azienda e per la società.

In questa ottica abbiamo sempre collaborato con la P.a.s.s.o. fin dal 2006 sponsorizzando il torneo internazionale di tennis in carrozzina; nel 2010 abbiamo invitato gli atleti della Polisportiva cuneese in sito perchè ci raccontassero la loro esperienza e nel 2011 abbiamo organizzato in fabbrica una vera e propria kermesse ciclistica con i nostri colleghi appassionati di bici e con gli atleti della P.a.s.s.o.. Nel 2013, anno del nostro 50° anniversario, diamo vita con il Comune di Cuneo e ovviamente con la stessa ASD P.a.s.s.o, alla 2^ prova del giro d'Italia handbike”.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo Dorotea Maria Guida

Michelin Ronchi (CN) Comunication Guido Baudino

N° 10 Conferenza Stampa Seconda Tappa Giro d'Italia Handbike - Cuneo

Presentata a Cuneo la Seconda Tappa del Giro d'Italia Handbike
Si corre in onore del 50° della Michelin

In un clima di grande festa e di entusiasmo generale, il 16 Aprile presso il Salone d'Onore del Comune di Cuneo, si è svolta la Conferenza Stampa di presentazione della seconda prova del Giro d'Italia Handbike - Trofeo Città di Cuneo -
La gara di paraciclismo, patrocinata dalla Regione Piemonte è stata voluta fortemente dalla Michelin, in collaborazione con il Comune di Cuneo e dall'Associazione P.a.s.s.o, con il supporto della Federazione Ciclistica Italiana, nell'ambito dei festeggiamenti per il cinquantesimo anniversario dello Stabilimento Michelin di Cuneo.

La manifestazione sportiva, alla quale partecipano atleti con limitazioni fisiche, prenderà il via Sabato 27 Aprile alle ore 15:30 con partenza e arrivo a Piazza Galimberti, Cuneo. A fare gli onori di casa c'era il Primo Cittadino del capoluogo della Granda, Dott. Federico Borgna, coadiuvato da Guido Baudino della Michelin (nelle vesti di speaker), presenti inoltre, il Direttore Generale dello Stabilimento Michelin di Cuneo Simone Miatton, Riccardo Cravero per la Provincia e per la P.a.s.s.o.: Avv. Mario Rosso e il Responsabile Generale Remo Merlo.

Largamente applauditi in sala un piccolo gruppo di atleti con limitazione fisica della Polisportiva Senza Ostacoli, ai quali forse avremmo dovuto dare maggior spazio e che è doveroso citare: Diego Colombari detentore della Maglia Rosa nel 2012 per 9 tappe su 10, Marco Boffa atleta Inail, Alessandro Borlino, Massimo Giacoma, Claudio Mirabile, Maurizio Tallone e Roberto Casetta uno dei nuovi atleti di quest'anno, insieme alla rappresentante femminile Valentina Rivoira. Un pensiero è andato agli atleti in pausa forzata per problemi fisici: Elena Serrao, Silvana Taravelli e Diego Ferrero.

Il Dottor Borgna, sindaco con limitazioni sensoriali, ha espresso al nutrito pubblico la sua profonda felicità - non scontata, ma autentica - per aver contribuito a questo importante evento, che vanta quasi 100 atleti iscritti. "Quest'evento sportivo, ha ribadito il Sindaco, collegato alla disabilità degli atleti, è in grado di dare un grande messaggio ai cittadini e fa crescere un'intera comunità. Un messaggio unico che spiega come lo sport senza ostacoli riesca a fare superare momenti difficili e ridare forza, serenità e gioia agli atleti disabili, alla comunità cittadina e alla comunità allargata".

Anche Riccardo Cravero, portavoce della Presidente della Provincia, si è detto onorato di assistere alla promozione della gara di Handbike che arricchisce la Città di Cuneo.

D'effetto le parole di Simone Miatton che ha ricordato il primo incontro che i Dirigenti e le maestranze della Michelin hanno avuto con gli atleti della P.a.s.s.o. nel 2011, nel quale tutti erano stati toccati dalle testimonianze molto forti dei ciclisti dell'handbike della P.a.s.s.o. Testimonianze di vita e di sportività che rendono i Dirigenti Michelin fieri di poter sponsorizzare questa gara per festeggiare i 50 anni dello stabilimento cuneese.

L'avvocato Mario Rosso ha ringraziato l’Assessore allo Sport Dott.ssa Gabriella Roseo, la Signora Tosati rappresentante INAIL partner per questa Tappa del Giro HB che si prevede straordinaria anche per le richieste di iscrizioni da parte di atleti svizzeri, francesi e spagnoli. Certa invece la presenza degli atleti Paralimpici quali Podestà e Fenocchio e la riserva azzurra Cratassa.

In ultimo, Remo Merlo ha ringraziato quanti si adoperano per la riuscita di un evento Nazionale come la gara di handbike: i volontari del Centro Coordinamento Ciclismo Libertas Cuneo, Il Gruppo comunale cuneo Volontari Protezione Civile, I volontari della Michelin Sport Club Cuneo, Confindustria Cuneo, Acqua Eva, i collaboratori degli Uffici Tecnici, la Polizia di Stato e tutte le altre Forze dell'Ordine. Ringraziamenti doverosi poiché senza questo prezioso supporto non sarebbe possibile realizzare questo tappa del Giro Handbike che, ricordiamo, ha avuto il via a Roma, toccherà lo Stato di San Marino e farà la sua conclusione a Firenze, in occasione dei Mondiali di ciclismo. S

abato 27 Aprile, l'intero circuito di gara che si snoderà attraverso le vie di Cuneo per un totale di 4, 179 km, da percorrere per 8 volte, sarà interamente chiuso al traffico di dalle ore 13:00.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo

Dorotea Maria Guida

N° 9 Campionati Italiani Sci ad Ovindoli - Bronzo per Baudino

N° 9 Bronzo per il bovesano Baudino ai Campionati Italiani di Sci Paralimpico.

Sulle nevi perenni e tra i panorami d’incanto dell’Abruzzo, a Ovindoli antica terra dei Marsi, tra campo Felice e il massiccio del Gran Sasso, il 22 Marzo si sono svolti i Campionati Italiani Paralimpici di Sci Alpino 2013.

La Polisportiva P.a.s.s.o. Cuneo per queste gare ha portato due sciatori: Aldo Baudino di Boves classe 1964, che già si era distinto nelle precedenti edizioni dei Campionati Italiani e l’esordiente Marco Boffa di Verzuolo (atleta INAIL) alla sua prima vera gara a livello nazionale.

In un clima di grande entusiasmo i due atleti dell’Associazione cuneese, grazie all’assistenza tecnica della “Bottero SKY”, hanno ottenuto risultati lusinghieri. Terzo posto e Medaglia di Bronzo per il bovesano Baudino nello Slalom Speciale di domenica 24 Marzo e sesto posto per il neofita Boffa.

 I due atleti si erano distinti già sabato 23 Marzo a Campo Felice in un tracciato impegnativo del Gigante, nel quale Aldo Baudino è giunto quinto e marco Boffa al 12° posto. I due tesserati P.a.s.s.o. hanno voluto ringraziare subito la loro preparatrice Barbara Montrucco della scuola sci di Limone Piemonte e i due volontari che li hanno seguiti in questa lunga trasferta abruzzese: Luigi Rovere e Veronica Boffa.

Lo Staff P.a.s.s.o. capitanato da Remo Merlo insieme agli atleti al termine della gare si sono detti molto soddisfatti delle piste e dell’organizzazione. Il tutto curato dallo Sci Club Orsello in collaborazione con la BMS, la FISIP.

Sceso dal sitting il quarantanovenne Baudino - che fra i concorrenti sitting era anche l'atleta più anziano - ha desiderato subito ringraziare il suo medico personale Alessandro Baessato, poi si è soffermato per altri commenti: “Sono stati due giorni di gare molto impegnative su tracciati molto tecnici e ben preparati nonostante la neve primaverile. Sono soddisfatto delle mie prove, nel gigante ho sciato bene. Il bronzo nello speciale è stata una sorpresa, ottenuto anche con un pizzico di buona sorte, visto che è una disciplina nella quale non mi alleno, ma alcuni atleti sono saltati ed io ho sciato con regolarità”.

Remo Merlo si sofferma nel farci partecipe della sua soddisfazione per la seconda medaglia che la P.a.s.s.o. porta a casa nell’ ambito del Campionati Italiani di Sci (la prima era arrivata nel 2009). “Abbiamo portato due atleti che hanno realizzato un’ottima prova nelle due gare disputate, ottenendo degli ottimi piazzamenti, in una cornice superba e con una giornata splendida per gareggiare. Ci portiamo a casa questa Medaglia di Bronzo che darà nuovi stimoli a tutti quei ragazzi disabili che desiderano praticare attività sportiva sulla neve.”

N° 8 Gran finale al 14 Torneo Alpi del Mare 2013

Sono ancora incandescenti i riflettori accesi sul grande Torneo Internazionale tennis in sedia a rotelle che ci ha regalato, in questi giorni di gare, tante incredibili emozioni.

L’onore e la gloria vanno sicuramente a questi atleti che non riusciamo più a chiamare disabili e che di anno in anno ci danno prova di coraggio, forza determinazione e normalità.

La prima a trionfare ieri è stata la superba Marianna Lauro che anche quest’anno si aggiudica incontrastata il Singolo Femminile disputato contro la francese Schoenn in 6-1, 6-1.

Nel Doppio Maschile (Main Draw) disputato sabato, a sorpresa, l’affermazione della coppia inglese - polacca Mc Carrol-Kruszelnicki che ha battuto in 6-3, 6-3 i favoriti Legner-Giammartini che fino all’ultimo hanno lottato per primeggiare.

Tutta italiana è invece la vittoria della coppia nel Doppio Maschile Second Draw: Banci-Corradi che in 6-1, 6-3 ha strappato il premio alla coppia italo - svizzera Curioni-Jauss con il punteggio di 6-1, 6-3. Premiato nel Singolo Maschile Consolation il francese Menguy che ha dovuto lottare contro l’azzurro Luca Spano che fino all’ultimo ha creduto in una possibile vittoria e accettando poi la delusione di un 2-6, 6-2, 6-1.

Oggi si è assistito ad una chiusura di torneo tutta da brivido ed entusiasmo nelle finali del Singolo Maschile Main Draw e Second Draw. Le sfide sono state all’ultimo colpo di racchetta, grazie al nuovo allestimento dei campi, che permettevano fluidità e velocità alle carrozzine dei tennisti. Campi e Impianti, lo ricordiamo, della nuova gestione Granda GESSPORT srl e Tennispark asd.

I vincitori del Doppio Main Draw, l’inglese Mc Carrol e il polacco Kruszelnicki si sono affrontati in un mach coinvolgente, che è stato in situazione di equilibrio per la prima parte e che poi si è sbloccata nei set successivi. I due atleti hanno dimostrato una forza di gioco notevole e alla fine l’inglese Marc Mc Carroll, 24mo nel ranking mondiale, ha vinto in 6-4, 6-3 dopo 1 h e 10min di gioco avvincente.

Nel campo parallelo si è disputata, in contemporanea la finale del Singolo Maschile del Second Draw che ha visto la bellissima vittoria dell’italiano Antonio Moretto in 7-5, 6-5 contro il giovane russo Shaikhislamov.

Alla premiazione è intervenuto un parterre di autorità d’eccezione: il sindaco di Cuneo, l’Assessore Valter Fantino e Gabriella Roseo, Riccardo Cravero nella doppia veste di Consigliere comunale e in rappresentanza della Provincia, Maddalena Tosati per L’INAIL, per ITF Gianpiero De Valle, per l’Associazione organizzatrice del Torneo l’Avv. Mario Rosso, Presidente P.a.s.s.o Cuneo, per i gestori degli impianti Mauro Chiodo e l’architetto Barberis. Tutti i rappresentanti delle varie istituzioni hanno avuto parole d’encomio per la manifestazione, l’organizzazione e per gli atleti.

Ci piace riportare, per tutti, le parole del Dott. Federico Bornia, Primo cittadino di Cuneo con limitazione sensoriale, che ha speso frasi doppiamente di elogio e di ammirazione per questi campioni dello sport e della vita.

Speaker eccezionale della premiazione è stato il Direttore del Torneo Paolo Ponzio che unitamente a tutti i volontari della P.a.s.s.o ha richiesto un sentito applauso per Remo Merlo Responsabile Generale. La città di Cuneo e il Piemonte ogni anno possono vantare una manifestazione sportiva Internazionale unica nell’ambito Nazionale.

Ed il merito per il Trofeo Alpi del Mare va ascritto a tutti quelli che si adoperano volontariamente affinché ciò avvenga e per questo ringraziamo per la P.a.s.s.o: Alberto Bessone, Chiara Beltramo, il Fisioterapista Davide Petrone, poi Luigi Aimar, il fotografo ufficiale Mario Giordano, l’ufficio Stampa A. Baudino e Dorotea Maria Guida. Per l’ITOS Cuneo Massimo Luciano. Per l’Ass. Nazionale Polizia di Stato e servizio navetta S. Baldanza, D. Spinelli, P. De Pascale, A. Tosello e G. Fantino. Ufficiali di gara: Chiara Gallo e Luca Laugero.

Tutti a lavoro adesso per organizzare la 15ma edizione perché il Torneo Internazionale di tennis in carrozzina non è solo un vanto per la P.a.s.s.o e per Cuneo ma è anche un’importante evento sportivo nel quale soprattutto numerosi disabili, attraverso lo sport, trovano il modo per riscattare periodi difficili della loro vita.

Dorotea Maria Guida

Ufficio Stampa P.a.s.s.o Cuneo

Prima Tappa Giro d'Italia HB - Roma -17 Marzo

D. Colombari
C. Coccato

Sudore e fatica per Colombari di Moretta.
Terzo alla Prima tappa del Giro d’Italia HB

In una Capitale affollatissima di pellegrini provenienti da tutte le parti del mondo per l’elezione del nuovo Pontefice, gremita di turisti per patrimonio monumentale e stracolma di atleti per lo svolgersi della diciannovesima Acea Maratona di Roma, Domenica 17 Marzo, si è corsa anche la Prima Tappa del Giro d’Italia Handbike.

A rappresentare i colori della P.a.s.s.o. (Promozione attività sportiva senza ostacoli) di Cuneo c’erano due atleti. Diego Colombari di Moretta che corre nella MH4, la stessa di Alex Zanardi, vincitore della gara, e Christian Coccato che gareggia in categoria MH3, di Gassino torinese. Quest'anno, i 76 ciclisti dell’handbike divisi in otto categorie sono partiti da via dei Fori Imperiali.

Il vincitore della gara, come detto, Zanardi, si aggiudica anche la Maglia Rosa; il secondo classificato Mauro Cratassa conquista la tappa nella categoria H3, mentre in H2 vince il terzo classificato Saverio Di Bari.

Il Ciclista di Moretta, Colombari ha percorso i 42,195 km in 1h.26.30, piazzandosi al quinto posto assoluto sui 76 presenti allo start e Terzo della sua categoria l’MH4. A fine corsa ci ha rilasciato la seguente dichiarazione: “La gara è stata veramente molto bella e suggestiva; ho visto andare via i primi quattro corridori e allora ho cercato di mantenere la posizione. Mentre correvo però non riuscivo a godermi il suggestivo paesaggio che Roma offriva, ed è stato un vero peccato. A 5 km dall’arrivo sono rimasto solo, distanziato dai primi, e quindi ho spinto più che potevo per riagguantarli per quel sudatissimo quinto posto assoluto e terzo di categoria: Ringrazio La Polisportiva P.a.s.s.o (Promozione attività sportiva senza ostacoli) di Cuneo che ci sostiene sempre e i miei sponsor BALFOR, INALPI e BIRRA BALADIN”.

Il Corridore di Gassino torinese, Christian Coccato, è arrivato 23mo della sua categoria. Anche lui ci racconta la sua Maratona e la sua Prima Tappa: “la Maratona è stata bellissima, ma non mi sono impegnato nella competizione per avere modo di vedere la città più bella del mondo. Poi quest’inverno ero uscito solo 3 volte per allenarmi. E’ stata tutto sommato una bella esperienza e penso che la ripeterò tutti gli anni visto che Roma per me è la città più bella del mondo e ne sono affascinato. Una critica al percorso difficile visto i tanti sampietrini e parecchie salite ma data la location la fatica è andata in secondo piano”.

Appuntamento adesso, per le vie di Cuneo, il 27 Aprile per la Seconda Tappa del Giro d’Italia handbike.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o.

Cuneo Dorotea Maria Guida

N° 6 Seconda Giornata Trofeo Alpi del Mare

Seconda giornata del “Grande Tennis” a Cuneo

Ieri si è conclusa la seconda giornata della grande manifestazione sportiva in corso a Cuneo. I tennisti in sedia a rotelle, che si stanno sfidando in questi giorni nei campi gestiti da “Tennispark”, stanno offrendo uno spettacolo di tecnica e di competitività ormai ad altissimi livelli.

La competizione del circuito "Nec Wheelchair Tennis Tour 2013" è entrata nel vivo ed è siglata sempre "P.a.s.s.o." Cuneo, la società organizzatrice che da diciassette anni si occupa di attività sportiva per disabili. Le gare concluse ieri hanno tracciato già il profilo dei giocatori più forti del Trofeo Alpi del Mare numero 14.

L’austriaco Legner ha battuto con prepotenza nel singolo il francese Giammartini in 6-1, 6-1 e andrà a sfidare nella semifinale di oggi l’inglese McCarrol che ha sconfitto ieri sfidando lo svizzero Pellegrina e battendolo in 6-2, 6-2. L’altra semifinale avrà come protagonisti il francese Quilliou (che ha battuto l’italiano Amadori) e polacco Kruszelnicki.

Gli altri semifinalisti del singolo Second Draw sono il francese Chessel che dovrà difendersi contro l’italiano Moretto e il russo dal nome impronunciabile Shaikhislamov che contrasterà l’italiano Mauro Curioni. Sempre oggi si disputeranno le semifinali del Singolo Man Draw Consolation e la finale del Doppio Second Draw che vede tra i protagonisti la coppia italiana Banci-Corradi.

Grande attesa, invece, per la finale del Doppio che vedrà l’agguerrita prestazione di Legner-Giammartini contro la coppia McCarrol-Kruszelnicki.

L’emozione più grande oggi ce la darà di certo la finale del singolo femminile, tra la fortissima Marianna Lauro (che ha battuto ieri la russa Korotkina in 6-1, 6-1) e che sfiderà oggi la francese Schoenn. Gli atleti in gara hanno riconosciuto il merito anche quest’anno, ad una macchina organizzativa collaudata.

Il merito di ciò va anche, oltre ai dirigenti dell'associazione cuneese, alla partecipazione spontanea di tanti amici e volontari che ogni anno mettono a disposizione tempo ed energie per questo torneo. Basti pensare alla costante presenza della Croce Rossa Italiana e il prezioso servizio degli agenti in dell'Ass. Nazionale Polizia di Stato.

Ma anche il servizio fisioterapico di Davide Petrone, quello medico del dott. Biolè e della meccanica delle attrezzature curato dalla ITOS di Cuneo e molti altri ancora che, insieme agli sponsor hanno aiutato nell’allestimento dei campi. Ringraziamo il fotografo ufficiale volontario della P.a.s.s.o. del quale ne utilizziamo tutti gli scatti.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o

Dorotea Maria Guida

N° 5 - Prima Giornata Trofeo Alpi del Mare

La Prima giornata del Grande Tennis di Cuneo

L’aria che si è respirata oggi, prima giornata di gare del 14mo Trofeo “Alpi del Mare” è quella del “Grande Tennis” com’è già stato definito dalle testate giornalistiche specializzate.

Cuneo, infatti, negli impianti sportivi gestiti da Tennispark, ospita da oggi la grande kermesse del Tennis in carrozzina con un tabellone ricco di nomi eccellenti del ranking mondiale.
Atlete e atleti in rappresentanza di 10 Paesi hanno iniziato a sfidarsi oggi alla presenza del giudice arbitro internazionale Giuseppe Guastavino e del suo vice Federico Gonella e con la super visione del Direttore del Torneo Paolo Ponzio.

Grande attesa per le prestazioni dei 15 tennisti Italiani di cui alcuni azzurri quali Luca Spano 86mo del ranking e per Marianna Lauro 12ma nella graduatoria mondiale, vincitrice dell’edizione dello scorso anno e nel 2009. Mentre ancora si protraggono gli incontri del doppio che ci riserveranno sicuramente alcune sorprese, la prima giornata di sfide ha visto come primi spettatori i ragazzi delle scuole. Martin Legner è stato uno dei vincitori del singolo del Main Draw.
L’austriaco che può definirsi uno dei giocatori più forti del Torneo, 12mo a livello mondiale e vincitore dell’edizione dello scorso anno, anche nel doppio, si è aggiudicato la vittoria contro l’azzurro Spano in 6-1, 6-3. I giochi, però, sono tutti da fare perché gli altri vincitori del singolo sono tutti bravi e agguerriti.

Grande spettacolo di professionalità e gesto atletico hanno dato le altre sfide nel singolo Second Draw, nel Singolo femminile, nel Main Draw consolation e nel Doppio Main e Second Draw. Le storie personali dei protagonisti s’intrecciano con i curriculum sportivi che nonostante la disabilità riescono a trovare la forza e il coraggio per combattere e dimostrare a se stessi e agli altri che la vita non si ferma davanti ad una sedia a rotelle e può essere ricca di soddisfazioni personali e obbiettivi da raggiungere.

Lo sport è sicuramente un modo per raggiungere questi obiettivi e anche se praticato in carrozzina, non ha nulla da invidiare a quello praticato dalle persone in piedi: stessi campi, stesse regole, stesse racchette con l’unica eccezione del doppio rimbalzo. A Cuneo il grande tennis in carrozzina, grazie al Responsabile Generale P.a.s.s.o., Remo, ha sempre regalato emozioni e spettacolo ed anche in questa 14ma edizione fin dalla prima giornata le emozioni non sono mancate.

Dorotea Maria Guida

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo

N° 4 - In pista con i Principi e i bambini disabili

Con la tuta nera Marco Boffa
Con la tuta rossa Aldo Baudino

L’atleta della P.a.s.s.o. ci racconta la sua esperienza

 “L’emozione più grande è stata scendere in pista con i bambini” – dice Marco Boffa, sciatore paraplegico della Polisportiva ASD P.a.s.s.o. Cuneo Marco, 42 anni, di San Ambrogio torinese, ci racconta l’esperienza vissuta sulle piste di Limone Piemonte in occasione di "Star team for children” insieme ad altri atleti disabili anche della SportAbili Alba.

"Star team for childrem” è l’Associazione fondata dal Principe Alberto di Monaco, di cui è anche presidente, volta a raccogliere fondi per bambini e ragazzi disabili. Boffa vive a Verzuolo e non è alla prima esperienza di sci Alpino per disabili. La sua prima gara è stata a Sestriere nel 2012 nell’ambito di Due occhi per vedere. In questo periodo si sta allenando per partecipare ai Campionati Italiani di sci che si terranno in provincia dell’Aquila a fine marzo.
“Sono abituato a gareggiare con atleti disabili – continua a raccontarci – in genere le gare di sci sono aperte a ipovedenti, amputati e paraplegici, ma l’emozione più grande a Limone Piemonte me l’hanno data i bambini. Molti di loro scendevano in pista per la prima volta e guardavano ammirati noi adulti disabili, ci vedevano come un punto di riferimento.
Anche i Principi Alberto di Monaco ed Emanuele Filiberto hanno avuto parole d’incoraggiamento nei nostri confronti (io gareggiavo con il mio compagno di squadra Aldo Baudino) e con un atleta della SportAbili Alba: Luigi Grill.
Ci siamo trovati tutti a nostro agio, grazie ad un servizio di assistenza tecnica eccellente e al lavoro instancabile dei volontari delle piste che erano bellissime. Un’esperienza da ripetere sicuramente.

All’evento sciistico, oltre ai Principi, erano presenti una trentina di grandi campioni dello sport e il ricavato della manifestazione è stato devoluto in beneficenza.

Grande apprezzamento da parte del Principe Alberto di Monaco che ha toccato con mano per due giorni il lavoro delle Associazione Sportive per disabili della provincia di Cuneo: P.a.s.s.o e SportAbili, sulle piste di Limone Piemonte.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o.

 Cuneo Dorotea Maria Guida

N° 3 - Conferenza Stampa 14 Trofeo di tennis in carrozzina

Entusiasmo a Cuneo per la presentazione del 14° Torneo “Alpi del Mare” Alla conferenza stampa gradita la presenza di Silvia Bruno del CIP Piemonte.

Con la conferenza Stampa tenuta il 1° Marzo presso l’Hotel Lovera di Cuneo, la P.a.s.s.o. è stata orgogliosa di presentare il 14° Torneo Internazionale di Tennis in sedia a rotelle – nell’ambito del NEC – Wheelchair Tennis Tour 2013.

Nelle parole del Responsabile Generale della Polisportiva cuneese - Remo Merlo – l’emozione di presentare ancora una volta quest’evento così importante per la Città di Cuneo: “Sono orgoglioso di presentare la 14ma edizione del Trofeo Internazionale “Alpi del Mare” tennis su della sedia rotelle. Nel frattempo nutro il desiderio di ringraziare i nuovi gestori degli impianti sportivi di Cuneo: Granda GESSPORT srl e Tennispark asd con i quali abbiamo trovato l'accordo per proseguire nella manifestazione. Ringraziamenti al CONI, INAIL, CIP, CCSV. Ringrazio i sostenitori pubblici e privati senza dei quali questo evento non poteva avere luogo.

Ringrazio alcuni atleti della P.a.s.s.o presenti oggi che ci suggeriscono che sta per partire anche il Giro d’Italia Handbike, con un’importante Tappa che si correrà proprio qui sulle strade di Cuneo il 27 aprile. Sono rimasto esterrefatto – ha continuato Merlo – per l’ enorme partecipazione dei tennisti che hanno dimostrato di amare il nostro Torneo. Non avrei mai creduto che nell’anno post-paralimpico, quando gli atleti si riposano e cercano nuovi sponsor, così tanti hanno invece scelto il Torneo di Cuneo. Siamo riusciti ad avere il tabellone completo con 40 iscritti, purtroppo ho dovuto rifiutare l’iscrizione di ben nove giocatori giunti fuori tempo massimo, compresi due Sudafricani, due russi, e un olandese”.

Per il comune di Cuneo era presente l’Assessore Valter Fantino che ha portato i saluti del Sindaco Federico Borgna, che come sindaco con limitazioni sensoriali è maggiormente attento alle manifestazioni sportive per disabili. “Il Comune era sicuro del fatto che il cambio di gestione nell’ambito degli impianti sportivi – ha aggiunto Fantino - non avrebbe portato nessuna problema circa la manifestazione del tennis in carrozzina, ma anzi si è rafforzato il sostegno della dell’Amministrazione per questa manifestazione internazionale che è in continua crescita. Siamo consapevoli del fatto che orami, le cause congiunturali, non permettano alle amministrazioni locali di sostenere le manifestazioni. Ma la forza della P.a.s.s.o Cuneo e l’abnegazione di Remo Merlo, unitamente al presidente Mario Rosso, fanno sì che ogni anno il tennis in sedia a rotelle cresca.”

A rappresentare il Cip Piemonte è intervenuta la signora Silvia Bruno dicendosi d’essere molto contenta di essere a Cuneo. “Ritengo che sia molto importante continuare a organizzare competizioni di tele funzione sociale anche grazie all’INALI con il quale il Cip coopera (un grazie alla rappresentante signora Tosati presente in sala) A voi vada l’augurio di un buon lavoro a Remo Merlo e a tutti gli atleti di cui molti piemontesi”. Ha poi commentato.

Mario Rosso Presidente Associazione P.a.s.s.o. Ha aggiunto: “Sono ormai un ricordo lontano quegli anni nei quali era possibile recuperare fondi per sostenere questi ragazzi. Adesso tutto è rimandato alla sensibilità dei cittadini e delle aziende che ci permettono di essere ancora qui. Esserci significa coltivare lo sport per persone disabili, sport che dovrebbe fare un salto, avere la pari Dignità dello Sport tutto, senza distinzione se Olimpico o Paralimpico. Qui alla P.a.s.s.o è successo, siamo riusciti a dare sin dagli albori, (questo è il nostro 17° anno) dignità e fiducia a tutti i nostri atleti con limitazioni fisiche”

Alla conferenza stampa era presente anche Paolo Ponzo: Maestro di tennis e Direttore del Torneo del 2013. Che ha detto di sé: “Benché alla prima esperienza con il tennis in carrozzina dopo 30 anni di direzione per non disabili, cercherò di mettere a disposizione la mia esperienza e la mia professionalità per un Torneo ad altissimo livello. Si disputeranno gare di singolo con i tabelloni Main Draw e Second Draw; un doppio, e il girone femminile. Sarà presente, tra gli altri, il campione del 2012, l’austriaco Martin Legner, 12° nel Ranking mondiale, che insieme all’americano Steve Welch (13° ranking mondiale) sono le due teste di serie del torneo. Ci inorgogliamo del fatto che i primi dieci tennisti che figurano nel nostro tabellone sono tra i primi 100 a livello mondiale. Questo è motivo di vanto per tutta l’organizzazione e sinonimo di prestigio per il Torneo Alpi del Mare di Cuneo”

Presente anche Federico Gonnella – nella veste di fiduciario arbitri della Provincia coadiutore del Giudice Arbitro Giuseppe Guastavino Appuntamento quindi al GIS. Cuneo dal 14 al 17 marzo 2013

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo Dorotea Maria Guida

N° 2 - Sci Alpino a Limone Piemonte

Lo sci per disabili a Limone Piemonte (CN) con il CSI e la P.a.s.s.o. Cuneo

Il 17 Febbraio nelle affascinanti e suggestive piste di Limone Piemonte (CN) si è tenuta una gara sciistica per atleti con limitazioni fisiche in collaborazione con il CSI Cuneo con la partecipazione di atleti disabili della P.a.s.s.o. (Promozione attività sportiva senza ostacoli) di Cuneo, della UIC Torino e SPORT di PIU’ Torino.

Per la Polisportiva senza ostacoli cuneese erano presenti due atleti: il bovesano Aldo Baudino, che si era distinto già un anno fa ai Campionati Italiani di sci Alpino a Sestriere e l’esordiente Marco Boffa.

Lo sciatore di Boves – Baudino – ha commentato la sua performance: “Non ho sicuramente l'ambizione né la possibilità, considerata anche la mia età, di poter competere con i migliori interpreti di questo fantastico sport, ma sono soddisfatto appieno della mia prova.
Ci tengo comunque a ringraziare la P.a.s.s.o. che mi consente di svolgere questa attività, attraverso la Scuola di Sci di Limone Piemonte e Bottero Ski Limone per il supporto tecnico”.
"E' stata una bella esperienza - ha proseguito Baudino -, insieme al coordinatore della P.a.s.s.o. Remo Merlo, abbiamo deciso di partecipare a questa kermesse con la speranza che altri ragazzi disabili possano avvicinarsi a questa attività".

L'obiettivo del sodalizio cuneese, con le altre organizzazioni è, infatti, quello di aiutare il disabile, attraverso l'attività sportiva offrendo un’opportunità di divertimento e socializzazione e, se in seguito s’intravedono le possibilità, avvicinarsi in modo graduale all'agonismo. Prendere parte a queste e altre manifestazioni, come fa la P.a.s.s.o., serve a far maturare ai suoi atleti esperienze formative da mettere al servizio di tutti, oltre a funzionare da cassa di risonanza per avvicinare i disabili e le loro famiglie allo sport Lo sci per disabili in provincia di Cuneo è anche realizzabile grazie ad un accordo tra la FISIP e il CSI regionale e grazie alle indicazioni della P.a.s.s.o. si permetterà agli atleti di gareggiare in più manifestazioni: la prossima in preparazione sarà tenuta

il 24 Marzo a Rocca di Cambio/Ovindoli (L’Aquila) per i Campionati Italiani

Ufficio Stampa P.a.s.s.o. Cuneo

Dorotea Maria Guida

INVITO CONFERNZA STAMPA

Fervono i preparativi per la 14° edizione Torneo di tennis su sedia a rotelle.

Anche quest’anno la Città di Cuneo si prepara ad ospitare l’emozionante e competitivo Torneo Internazionale di tennis su sedia a rotelle giunto alla 14ma edizione e organizzato, come sempre, dalla Polisportiva P.a.s.s.o Cuneo (Promozione Attività Sportiva Senza Ostacoli)

Il “Trofeo Alpi del Mare” inserito nel circuito NEC – Wheelchair Tennis tour – si svolgerà dal 14 al 17 Marzo nella splendida cornice del Palatennis Comunale di Cuneo. Sin d’ora stanno giungendo le iscrizioni per questa manifestazione che ogni anni diventa sempre più combattiva e capace di dar visibilità alla Provincia Granda e al Piemonte.

Il modulo d’iscrizione e tutte le info di quest’edizione sono disponibili sul sito www.passocuneo.com.

Sono attesi atleti e tennisti da tutta l’Europa compresi i campioni Paralimpici Italiani ed Internazionali. Sono attesi i tennisti Paralimpici quali Fabian Mazzei e l’azzurro Luca Spano, oltre che i campioni degli anni precedenti quali Martin Legner.

Le aspettative degli organizzatori per questa 14ma edizione sono ottimistiche poiché ci si augura sia ricca di partecipanti poiché a differenza dello scorso anno non ci saranno le defezioni avvenute a causa delle concomitanti Paralimpiadi di Londra.

Ufficio Stampa P.a.s.s.o Cuneo

Guida-Baudino